Stagionali: per il 2015 nessuna penalizzazione dalla Naspi

12/06/2015

Il consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare  giovedi 11 giugno scorso  una modifica all’impianto della Naspi che finalmente inserisce una salvaguardia per i lavoratori stagionali del settore turismo limitatamente all’anno in corso.

Lo schema del decreto di riordino degli ammortizzatori sociali infatti introduce, limitatamente agli episodi di disoccupazione intercorsi tra il 1 maggio 2015 e il 31 dicembre 2015, e solamente per i lavoratori stagionali del settore turismo, un correttivo al sistema di computo della prestazione di sostegno al reddito, capace di garantire fino a 6 mesi di copertura.
“Siamo soddisfatti di questo primo risultato che sana temporaneamente un vulnus davvero poco comprensibile” afferma Cristian Sesena segretario nazionale Filcams Cgil. “Come Filcams Cgil abbiamo sin da subito denunciato questa situazione che riguarda potenzialmente 300mila lavoratori nel nostro paese. Ci siamo attivati in tutte le sedi per dare visibilità a questa platea occupazionale già strutturalmente precaria.” “Assieme alle altre organizzazioni sindacali” prosegue il segretario, “abbiamo dedicato simbolicamente una piazza (Taormina) ai problemi della stagionalità durante l’ultimo sciopero nazionale del turismo lo scorso 15 maggio. Sempre con Fisascat e Uiltucs, abbiamo sottoscritto con Federalberghi e Faita un avviso comune al governo per chiedere interventi correttivi”
“La partita però non è chiusa” conclude Cristian Sesena, “dovremmo continuare ad agire perché si trovi una soluzione definitiva e non limitata al 2015. I lavoratori stagionali non lo sono per scelta ma per necessità. Garantire loro tutele quando giocoforza non lavorano non è assistenzialismo, bensì un investimento verso un settore strategico per l’Italia come il turismo “