STABILIZZARE I RAPPORTI DI LAVORO, TRASFORMARE I FALSI CONTRATTI DI COLLABORAZIONE. PARTE LA CAMPAGNA DI FILCAMS FISASCAT UILTUCS

30/01/2007

FILCAMS-Cgil
Federazione lavoratori commercio turismo servizi
Ufficio Stampa
www.filcams.cgil.it

30 gennaio 2007

STABILIZZARE I RAPPORTI DI LAVORO, TRASFORMARE I FALSI CONTRATTI DI COLLABORAZIONE. PARTE LA CAMPAGNA DI FILCAMS FISASCAT UILTUCS

Stabilizzare i rapporti di lavoro, trasformare i falsi contratti di collaborazione in contratti di lavoro dipendente.

È questa la campagna che Filcams Fisascat Uiltucs lanciano per far rientrare nell’alveo della normalità contrattuale tanti rapporti lavorativi apparentemente autonomi, ma nella sostanza subordinati.

L’obiettivo della stabilizzazione dei rapporti di lavoro è uno dei cardini della legge finanziaria 2007 che prevede incentivi per le aziende che provvedano a regolarizzare i collaboratori a progetto e non, trasformando il loro contratto in rapporto di lavoro subordinato.

La stabilizzazione dei rapporti di lavoro riguarda gli operatori di call center – il campo forse più noto per la presenza di collaborazioni fasulle – e in generale tutti i settori del terziario privato, come il commercio, il turismo, le imprese di pulizie, la ristorazione.

Sono molte, a questo proposito, le segnalazioni che i sindacati hanno avuto di lavoratori, assunti per svolgere mansioni di barista, commessa, addetti alle pulizie, impiegati, ecc., ai quali sono stati imposti contratti di collaborazione.

Filcams Fisascat Uiltucs intendono battere a tappeto le aziende per informare i lavoratori nel modo più completo possibile con assemblee, mobilitando le Rsu e mettendo in grado gli stessi lavoratori di diffondere la notizia con il "passa parola".

È stato redatto un volantino da affiggere alle bacheche e da distribuire a mano. Dice: «Non avere paura, rivolgiti al sindacato. Fai verificare il tuo contratto! Non perdere questa occasione per rivendicare i tuoi diritti: ferie retribuite, tredicesima e quattordicesima mensilità, malattia retribuita».

«In questi anni – dicono Filcams Fisascat Uiltucs – abbiamo effettuato accordi, denunce, cause legali. Oggi la finanziaria ci fornisce l’opportunità di rimettere le mani in tutta questa partita per trasformare le collaborazioni in rapporti di lavoro subordinato, e noi abbiamo l’intenzione di fare tutto il possibile».