Sr Risorse, interviene la Filcams

09/05/2011

Stefano Gugliotta, segretario della Filcams-Cgil ha chiesto di incontrare il presidente della società inhouse Siracusa Risorse Impallomeni, al Consiglio di amministrazione e al presidente della Provincia regionale Bono.
L`elenco delle rivendicazioni dei lavoratori di Siracusa Risorse è nutrito: un piano industriale per il rilancio della società in-house come politica di investimento e ottimizzazione delle risorse umane che si ponga l`obiettivo primario delle trentasei ore contrattuali per tutti i lavoratori di Siracusa Risorse e che deve traguardare in un immediato futuro il full time; il riconoscimento su basi di trasparenza e obiettività dei livelli contrattuali corrispondenti alle reali professionalità impiegate; la formulazione di una griglia di criteri e obiettivi da concordare con le rappresentanze sindacali dei lavoratori per un sistema premiante trasparente e oggettivo che valorizzi la produttività collettiva della società in-house; una politica di formazione del personale per un consolidamento e sviluppo delle professionalità esistenti; valorizzazione e piena condivisione della politica in materia di sicurezza e igiene sul posto di lavoro; un confronto costruttivo con le organizzazioni sindacali per una politica veramente concertativa e finalizzata alla crescita della società in-house. La Filcams si schiera accanto ai lavoratori e contesta «la miope gestione del personale – si legge in un comunicato stampa – a cui corrisponde logicamente una retribuzione pari a poco più di un ammortizzatore sociale, pur avendola società all`interno professionalità che consentono l`espletamento di servizi di qualità, efficacia sociale e ambientale e di mansioni specializzate e di responsabilità cui, di contro, non viene riconosciuto il corrispondente livello di inquadramento contrattuale».