“Sondaggio” L’Unione ora perderebbe le elezioni

20/11/2006
    luned� 21 novembre 2006

    Pagina 4 – Economia/Oggi

      L’Unione ora perderebbe le elezioni

        Sei mesi dopo consensi a picco, lo dice un sondaggio: Cdl al 57,3%, maggioranza solo al 41,6%

          di Maria Zegarelli

          LACRIME E BILANCI – Se oggi si dovesse tornare al voto per l’Unione sarebbe una prova dura: secondo un sondaggio Unicab commissionato da �Niente di personale�, trasmissione andata in onda ieri sera su La7, il centrosinistra si fermerebbe al 41,6%, con picchi verso il basso soprattutto dell’Ulivo. La Cdl svetterebbe al 57,3%. Il partito dei �non so che fare e votare� porterebbe a casa un invidiabile 30%. Ma se poi si indaga tra gli elettori dell’Unione c’� ancora una grande fiducia. � questa la notizia di peso dei primi sei mesi di governo Prodi. I dati del sondaggio, diffusi con qualche ora di anticipo rispetto alla messa in onda del programma, hanno subito ringalluzzito il centrodestra. La trasmissione, invece, � stata anche un accurato elenco dei guai del premier. Per fortuna – di Prodi – la stampa alla fine lo promuove. Con un �distinto� in pagella.

          Ma le critiche non si sono fatte aspettare. Tante, alla sua Finanziaria, alle diatribe interne, al battibeccare unionista. �Il governo � un caos, la Finanziaria � un caos, il Pd � un caos�, sintetizza Gavino Angius. �Grande � la confusione sotto il cielo�, esordisce Antonello Piroso. In studio la supergiuria di 50 giornalisti di varie testate, tra cui l’Unit�, la pensa in modo diverso e assegna �Otto�. �Clamoroso�, secondo Piroso. Infatti c’� stato un errore “tecnico”. Pi� tardi, nella successiva votazione, tutto fila liscio: il governo ottiene comunque una “promozione” ma da 8 si passa a 6.3.

          Va in onda la frase del Professore: �Ormai siamo un paese impazzito�. In studio c’� Michele Placido, non come attore o regista, ma come elettore del centrosinistra. Psicoterapia, appunto: �Il mio stato d’animo? Di attesa, in fondo sono sei mesi. Bisogna aspettare che questa finanziaria sia definitiva. La stangata � necessaria, se al posto di Prodi c’era Berlusconi anche lui l’avrebbe dovuta dare�. Lui non mette voti, aspetta, �se alla fine dei 5 anni Prodi non fa tornare i conti sono pronto a votare contro�. La finanziaria, alla fine Placido l’approva. Non approva, invece – �mi ha fatto star male� – quella brutta pagina di piazza andata in onda l’altro giorno durante la manifestazione pro-Palestina. In studio anche Gianfranco Pasquino, che osserva: �Una parte di sinistra italiana ha questa tendenza ha cercare un nemico, Israele e un altro nemico, gli Stati Uniti, in questo caso, e a volte finisce per avere atteggiamenti antisemiti�. Con la piazza non si scherza, dice il premier. Gianni Vattimo, si dice �pentito di non essere venuto a Roma per quella manifestazione�. E per niente scandalizzato dalle bandiere americane bruciate. Scambio di battute tra i due professori. Giulietto Chiesa era in piazza, neanche lui � pentito. �Cretini e imbecilli sono ovunque, i media dovrebbero sapere distinguere�. Neanche su questo c’� accordo. Riccardo Barenghi, de �La Stampa�, sottolinea: �questa manifestazione aveva connotazione molto precisa, in piazza c’erano due-tremila persone e se cento persone fanno quello che hanno fatto�, non � un episodio marginale. La prodissea va in onda, le frasi passate gi� alla storia. Le gaffe.

          Si parla di liberalizzazioni, quelle dovevano essere il fiore all’occhiello. La verifica delle telecamere de La7 filma i tassisti, che hanno manifestato contro, che ci provano, con i turisti, a fare i �furbetti�. Il dubbio: �Non � che forse abbiamo caricato di troppe aspettative in poco tempo?�. �Il fatto � che Prodi lo sapeva che doveva diventare premier, dall’ottobre 2005, poteva preparasi. Invece ha fatto un governo amplissimo, non aveva il programma pronto�, insomma il tempo c’era, risponde Pasquino. Improvvisazione. Tra i grandi �errori� l’indulto, e poi �lo scollamento drammatico� tra i partiti e tra la classe politica e la societ�. �Il peggior Prodi � sempre meglio del miglior Berlusconi�, la sintesi. Livia Turco interviene e dice che � solo questione di tempo, poi il cielo si schiarir�.