Solleciti, farmacisti in allerta

18/10/2005
    martedì 18 ottobre 2005

    Pagina 31

    Quote onaosi

      Solleciti, farmacisti in allerta

        di Giovanni Galli


          I solleciti di pagamento di quote Onaosi (Opera nazionale per l’assistenza agli orfani dei sanitari italiani), che da qualche settimana sono recapitati ai farmacisti, non sono cartelle esattoriali. E dunque il loro pagamento non è affatto obbligatorio, né vi saranno procedure di recupero da parte degli uffici fiscali.

          Questo è il succo della comunicazione che la Filcams (Federazione lavoratori commercio turismo servizi) – Cgil ha diffuso alle proprie strutture per rispondere alle richieste di chiarimento che i farmacisti collaboratori stanno indirizzando alla federazione sindacale del terziario.

            Come spiega la nota dell’organizzazione, Federfarma e le tre federazioni sindacali hanno intrapreso, a settembre 2004, la loro battaglia contro ´un soggetto privato di cui non si sa nemmeno quanti siano i beneficiari dell’assistenza, quali prestazioni ricevono e quanto costi la gestione dell’ente’. L’Onaosi è infatti una fondazione privata.