Solidarietà di UNI Commerce agli affiliati italiani per lo sciopero del 12 dicembre

“Il Governo Italiano ha annunciato la completa deregolamentazione degli orari di apertura degli esercizi commerciali in Italia, in congiunzione con un programma di austerità inaccettabile. Gli affiliati di UNI Europa Commerce, Filcams, Fisascat e Uiltucs sono stati messi da parte: siamo sconvolti nell’apprendere che chi ha scritto questa legge proviene da Federdistribuzione, la federazione dei datori del commercio.

Esiste il rischio che negozi e supermercati restino aperti 24 ore al giorno, le Domeniche e durante le festività pubbliche quali Natale e Pasqua, senza negoziazioni con il sindacato.

Noi condanniamo questo attacco all’occupazione. Si potrebbe verificare la chiusura di migliaia di piccoli e medi esercizi commerciali che non potranno sostenere la competizione. Verranno assunti sempre più lavoratori precari per orari di lavoro antisociali.

Anche i consumatori saranno colpiti, perché queste chiusure si concentreranno nelle aree residenziali, nei rivenditori a livello locale, e tutto questo sarà a favore dei grandi rivenditori di periferia. E i più anziani? E le persone con problemi di mobilità? E coloro che non possiedono un’automobile?

Questo cambiamento nella legislazione sarà un disastro per i centri storici delle città di provincia, e accentuerà la desertificazione.

I consumi non aumenteranno con l’estensione degli orari di apertura, poiché il potere d’acquisto sarà sotto pressione a causa delle misure di austerità.

Un domani, l’aumento del lavoro notturno, domenicale e durante le festività, creerà un divario tra i lavoratori e le loro famiglie, e aumenterà i livelli di malessere.

UNI Europa Commerce sostiene le iniziative dei sindacati Filcams, Fisascat e Uiltucs a favore della mobilizzazione per uno sciopero il 12 dicembre, per lottare contro il pacchetto di austerità e promuovere misure per un’occupazione di qualità nel settore del commercio in Italia.

Fabrice Warneck
Uni Europa Commerce Policy Officer

————-
ENG

The Italian Government has announced the full deregulation of shop opening hours in Italy in conjunction with an unacceptable austerity program. The UNI Europa Commerce affiliates Filcams, Fisascat and Uiltucs have been put aside: We are shocked to learn that the writer of this legislation comes from the Federdistribuzione, the employers’ federation of commerce.

There is a
risk that stores and supermarkets open 24 hours a day, Sundays and public holidays such as Christmas and Easter without negotiations with the unions.

We condemn
the attack against employment. There may be closures of thousands of small and large businesses that can not withstand competition. There will be even more precarious workers hired for these unsocial hours.

Consumers
will be affected, because these closures will be concentrated in residential areas, local retailers, and this will be in favour of big retailers in the suburbs. And the elderly? And people with mobility problems? And those who do not have a car?

This change in legislation promises to be
a disaster for the historic centers of cities in the provinces, with an accentuation of desertification.

Consumption
will not increase with the extension of opening hours, as the purchasing power will be under pressure due to austerity measures.

Tomorrow
, the increase of night work, Sunday and holidays, will create a gap between workers and their families, will increase the malaise at all levels.

UNI Europa Commerce supports the
unions Filcams, Fisascat and Uiltucs initiatives for mobilizing for the strike on December 12 in order to fight against the austerity package and to promote quality employment measure in the commerce sector in Italy.

Fabrice Warneck
UNI Europa Commerce Policy Officer"

UNI europa
rue de l’Hôpital 31
1000 Bruxelles
Belgium
Tel: +32 2 234 56 57
Fax: +32 2 235 08 70

fabrice.warneck@uniglobalunion.org
www.uni-europa.org