Sol Melià Italia – Esito incontro 21/12/2011

Roma, 03 gennaio 2012

Testo unitario

il giorno 21 dicembre 2011 è proseguita la trattativa con la Direzione di Sol Melià Italia srl per la stipula del contratto integrativo.

La trattativa è continuata su una bozza d’ipotesi d’accordo presentata dalla Direzione Aziendale e il lavoro svolto è stato quello di apportare correzioni e integrazioni per rendere tale bozza più vicina a un’ipotesi d’accordo.

Anche in questa sessione di trattativa uno dei maggiori punti di discussione è stato quello sulla distribuzione dell’orario di lavoro settimanale, con la proposta aziendale di applicare una diversa distribuzione più consona alle esigenze aziendali rigettando per l’ennesima volta la richiesta delle lavoratrici e lavoratori di applicare il cosiddetto regime del 5+2 (5 giorni di lavoro + 2 di riposo). Come già chiarito nelle precedenti trattative, a fronte dell’impossibilità di trovare una soluzione condivisa, l’unica soluzione è quella di rimandare alla disciplina prevista dal CCNL.

Per quanto riguarda il tema delle terziarizzazioni la Direzione Aziendale, dietro il suggerimento di Assolombarda, ha dichiarato di non poter recepire il Protocollo sugli Appalti in quanto la materia non è mai stata affrontata in alcun contratto integrativo; è stato fatto osservare che l’affermazione è pretestuosa in quanto la disciplina delle terziarizzazioni viene correntemente normata nei CIA delle varie catene alberghiere; a fronte di questo la Società si è resa disponibile a verificare ulteriormente la materia. Una nota molto positiva è la disponibilità ad allargare la platea cui riconoscere il premio di produttività, includendo anche le lavoratrici e lavoratori degli appalti.

Sempre in tema di Premio di Produttività, riscontriamo una disponibilità economica inferiore rispetto alle aspettative della delegazione sindacale, senza che ci sia alcun riconoscimento per gli anni 2010 e 2011. L’unica disponibilità aziendale in tal senso è di verificare ulteriori, seppur limitate, quantità economiche per l’anno in corso e di prevedere sin d’ora somme maggiori per il futuro.

Inoltre, prima del prossimo incontro, dovranno essere effettuate alcune verifiche in merito a una formulazione accettabile dalle parti sul tema della riservatezza dei dati forniti dall’azienda e su una formulazione del capitolo della Salute e Sicurezza, ciò a fronte di un’impostazione originaria che pone dubbi sui doveri che sono posti in capo all’Azienda e quelli in capo alle lavoratrici e lavoratori.

Considerato che la trattativa si sta avviando verso la chiusura, riteniamo che prima del prossimo incontro sia utile convocare un coordinamento unitario dei delegati e delle strutture; pertanto il Coordinamento è convocato per mercoledì 18 gennaio alle ore 10.30 presso il CE-MU – Centro Multiservizi della Filcams Cgil, Viale Glorioso, 11 – Roma, mentre la trattativa avrà inizio alle ore 13.00 presso la stessa sede.

p. La Filcams CGIL Nazionale

(Massimo Frattini)