Soddisfazione della FILCAMS per la soluzione vertenza McDonald’s

FOGGIA, mercoledì 17 settembre 2008 - ORE 21.48
Soddisfazione della FILCAMS per la soluzione vertenza McDonald’s

Piena soddisfazione è espressa dalla segreteria provinciale della FILCAMS CGIL di Capitanata per l’esito positivo della vertenza che ha coinvolto, loro malgrado, i 37 dipendenti del McDonald’s di Foggia, rimasti senza lavoro e stipendio dallo scorso 20 agosto, quando una sentenza del Tribunale di Milano ha posto sotto seqestro i locali che ospitano il fast food presso il centro commerciale Mongolfiera. Stamattina alla presenza dei rappresentanti fi Filcams e Fisascat Cisl, i 37 lavoratori hanno firmato i contratti di assunzione con la McDonald’s Italia. All’origine della vicenda, come è noto, la contrapposizione esplosa tra la sede italiana della multinazionale americana, che aveva deciso di non rinnovare il contratto di fitto alla Vividream scaduto a fine luglio, e proprio la società che gestiva il punto ristorazione di Foggia e che aveva a libro paga ii 37 lavoratori. Disputa che ha visto il Tribunale di Milano dare ragione alla McDonald’s Italia, obbligando l’imprenditore foggiano Caccavo a liberare i locali -di proprietà del colosso degli hamburger- e sospendendo l’attività con l’apposizione dei sigilli e il sequestro del negozio. Venerdì scorso a Milano un primo passo della soluzione della vertenza, con l’accordo tra la McDonald’s e la Vividream per il fitto degli arredi, di proprietà della società di Caccavo. Stamattina la formalizzazione dell’impegno già assunto con i sindacati dalla McDonald’s, che gestirà direttamente il fast food, di assumere i 37 lavoratori. "Non possiamo che essere contenti dell’esito della vicenda -commenta Gianni Palma, segretario provinciale della FILCAMS CGIL-. Stamattina i 37 lavoratori hanno firmato i contratti di assunzione, tutti a tempo indeterminato, compresi i quattro che con la Vividream avevano in essere rapporti a tempo determinato. McDonald’s ha garantito l’apertura del fats food e la ripresa delle attività già dalla giornata di domani. Da parte nostra ora ci attiveremo affinchè i lavoratori recuperino tutte le spettanze relative ai giorni di chiusura del ristorante, che competono alla società che gestiva il ristorante".

redazione Teleradioerre