Siracusa, chiudono 2 call center, 79 lavoratori a rischio

22/03/2017
filcamsbig

Un’ennesima tegola occupazionale di abbatte su Siracusa: Monalisa contact, un call center che gestisce il servizio clienti per Vodafone, ha aperto un procedura di licenziamento che prevede la chiusura del call center di Siracusa ove operano 27 lavoratori oltre ad un esubero nel call center di Misterbianco di 52 lavoratori, per un totale di 79 unità.

Secondo l’azienda Monalisa Contact  il motivo della chiusura del call center di Siracusa e il denunciato esubero su Catania, sarebbero da addebitare ad una forte contrazione di commesse che provengono prevalentemente dal gruppo Aura National Partner Vodafone. Ad oggi, però, dopo due incontri di esame congiunto con le Organizzazioni Sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs di Catania e Siracusa, e nonostante le pressanti richieste di avere documentazione a supporto delle incontrovertibili situazioni di crisi, l’azienda non ha fornito i chiarimenti richiesti.

“La procedura di licenziamento collettivo pone al datore di lavoro determinati obblighi di informazione alle organizzazioni sindacali – dice Stefano Gugliotta segretario generale Filcams Siracusa –  per studiare e suggerire eventuali soluzioni alternative nel tentativo di evitare il ricorso alla riduzione del personale o di contenere il numero dei licenziamenti che restano l’extrema ratio. Monalisa Contact al tavolo sta tenendo un atteggiamento reticente e poco chiaro rispetto alle legittime richieste delle organizzazioni sindacali di avere chiarezza, ma in assenza di un chiaro riscontro, non esiteremo a interessare direttamente Vodafone.”

“Siracusa non può permettersi di perdere altri posti di lavoro” conclude il segretario, “e siamo pronti a proclamare lo sciopero dei lavoratori del call center Monalisa, oltre a rivolgerci al Giudice del Lavoro per garantire alle organizzazioni sindacali il giusto ruolo nell’ambito dell’esame congiunto ad oggi negato”.