Silverstar – Comunicato Sindacale del 18 settembre 2009

Comunicato sindacale

Il 17 u. s. si è svolto l’incontro con la direzione aziendale per iniziare il confronto sulla procedura di mobilità avviata da SILVERSTAR il 21.08.2009.

In apertura di incontro abbiamo formalizzato la costituzione del coordinamento nazionale dei rappresentanti sindacali aziendali e delle strutture sindacali territoriali visto che oggi siamo presenti in tutte le realtà SILVERSTAR.

Di conseguenza abbiamo chiesto l’attivazione della bacheca sindacale elettronica per poter far arrivare in modo più agevole tutte le informazioni utili ai lavoratori, per la quale l’azienda ha dato il proprio consenso.

Prima di entrare nel merito della trattativa abbiamo precisato, visto le diverse segnalazioni giunte dai delegati, che in un momento così delicato come quello che stanno vivendo i dipendenti di SILVERSTAR, l’azienda si astenga da attivarsi in modo unilaterale a incentivazioni individuali e/o mettere in atto comportamenti volti a segnalare ai singoli lavoratori chi e’ dentro o fuori dalla procedura di riduzione del personale.

La direzione ha sostenuto di non aver proceduto con alcuna trattativa individuale, ma che ci sono state dimissioni spontanee da parte di singoli lavoratori.

Così come ha chiarito che è assolutamente estranea a eventuali iniziative messe in opera da responsabili aziendali, ai vari gradi, per fornire informazioni circa il destino dell’uno o dell’altro lavoratore, ma piuttosto di avere puntualizzato al management di non operare in tal senso.

Pertanto ha ribadito che il confronto si svolgerà solo al tavolo di trattativa nazionale e che le soluzioni che verranno trovate saranno quelle condivise e concordate.

Dopo le suddette premesse la direzione aziendale ha segnalato che nella tabella riepilogativa degli organici, inserita nella procedura di mobilità, vi erano errori e ci ha fornito la copia corretta, così come il dettaglio dei rapporti di lavoro in essere per il completamento di una serie di informazioni essenziali per il proseguo della trattativa.

A seguito della nostra richiesta, già avanzata nell’incontro del 28 luglio scorso, di ridurre il numero degli esuberi dichiarati in procedura, l’azienda ha illustrato le prime valutazioni effettuate, che hanno prodotto complessivamente il recupero di circa 20 lavoratori per effetto di diverse situazioni tra cui:

- La centralizzazione in Italia dell’ASSET PEMCO a livello europeo cui corrisponde l’aumento di 3 persone in tale ufficio a Milano;

- Il riposizionamento di altro personale sulle dimissioni ricevute e per le maternità “uscite” dopo l’avvio della procedura;

- Inserimento di tecnici commerciali in filiali ove prima non erano presenti (Roma, Senigallia);

- Mantenimento di un presidio a fermo;

- Risoluzione dei rapporti con agenti per permettere il recupero di alcuni venditori esterni.

Rispetto alla riduzione degli esuberi presentati dall’azienda, abbiamo dichiarato di aver apprezzato lo sforzo fatto ma consideriamo, visto l’esiguo numero, tali recuperi assolutamente insufficienti e molto lontani da un possibile accordo.

Così come abbiamo ribadito che per quanto attiene la mobilità può essere praticabile solo su base volontaria e che è necessario ricorrere anche ad altri ammortizzatori sociali che comunque valuteremo solo dopo che l’azienda avrà dimostrato che la riorganizzazione/ristrutturazione che intende attivare sia l’unica soluzione praticabile per superare la crisi e permettere all’azienda di recuperare competitività nel mercato.

Per queste ragioni abbiamo chiesto di entrare nel merito delle analisi di dettaglio che l’azienda sta facendo per ridurre ulteriormente gli esuberi, analisi che non deve tradursi solo in un recupero di costi ma tenere conto di una organizzazione del lavoro rispondente anche alle esigenze dei dipendenti.

Il prossimo incontro per il proseguo della trattativa è stato fissato per il 28.09.2009 alle 10:30 presso l’unione commercianti di Milano.

                        FILCAMS-CGIL FISASCAT-CISL nazionali e territoriali unitamente alle RSA

Roma, 18.09.2009