Sicilia, Rinascente cede dieci supermarket a R2

23/05/2000

loghino.gif (3272 byte)

ombraban.gif (478 byte)


Martedì 23 Maggio 2000
italia – economia
Sicilia, Rinascente cede dieci supermarket a R2

(NOSTRO SERVIZIO)

CATANIA Il gruppo Rinascente si riorganizza in Sicilia con la cessione di dieci punti vendita alla R2, società di distribuzione organizzata di Caltanissetta. L’accordo, raggiunto nei giorni scorsi alla presenza delle organizzazioni sindacali, prevede il trasferimento della proprietà di dieci tra supermercati e hard-discount e dei circa cento addetti dalla Smafin e dalla Disco, società del gruppo Rinascente, alla R2, nuova società di distribuzione organizzata controllata dalla famiglia Romano e dalla Cds (dodici punti vendita diretti tra supermercati, discount e ipermercati e 50 affiliati, 150 miliardi di giro d’affari e 260 addetti). Si tratta di tre centri a Palermo e uno ciascuno a Carini (Palermo), Castelvetrano (Trapani), Porto Empedocle e Canicattì (Agrigento), Caltanissetta, Ragusa e Catania.

L’operazione si inquadra nel processo di riorganizzazione avviato qualche anno fa dalla Sigros distribuzione, poi divenuta Smafin, finalizzato alla razionalizzazione del portafoglio dei punti vendita nel segmento supermercato e alla definitiva dismissione degli hard-discount.

La R2 — che pagherà per l’acquisizione dei supermercati una cifra assai vicina ai dieci miliardi — intende valorizzare i negozi con nuovi investimenti per oltre tre miliardi, nell’ambito di un piano di sviluppo che interessa l’intero territorio regionale. Il gruppo Rinascente, dal canto suo, ha confermato il proprio interesse per la Sicilia, considerata una regione strategicamente importante, dove intende continuare a investire nella realizzazione di nuovi centri commerciali. Proprio allo scopo di avviare, nel breve e medio periodo, gli investimenti necessari è stato costituito presso la presidenza della Regione Siciliana un osservatorio regionale composto da rappresentanti del gruppo societario, dai sindacati e dalla stessa Regione per trovare soluzioni che favoriscano lo sviluppo del comparto e la creazione di nuovi posti di lavoro.

Giambattista Pepi