Shopping center, tedeschi all’attacco in Italia

03/11/2000

loghino.gif (3272 byte)

ombraban.gif (478 byte)


Venerdì 3 Novembre 2000
italia – economia
Shopping center, tedeschi all’attacco in Italia

MILANO Nuovo shopping made in Germany tra i centri commerciali italiani. Dopo l’operazione perfezionata dal gruppo Commerzbank in estate (è stato acquisito lo shopping center di Orio al Serio) adesso è la volta della Bayernfonds Immobiliengesellschafts Mbh (Bim), collegata alla Bayerische Landesbank, uno dei principali gruppi bancari tedeschi, cui fanno capo 27 fondi di investimento di carattere immobiliare (centri commerciali, poli logistici e uffici in prevalenza) e finanziario.

La Bim ha dunque deciso di investire anche in Italia ed ha siglato in questi giorni la prima operazione rilevando dal gruppo Rinascente il centro commerciale di Mazzano (Brescia). L’operazione è stata realizzata con la consulenza delle società immobiliari internazionali Jones Lang LaSalle e Healey&Baker.

Il centro commerciale di Mazzano, inaugurato nel 1994 comprende un ipermercato con una superficie lorda di 16.500 metri quadrati (l’area di vendita è di 9.500 metri quadrati) e una galleria di 45 negozi. La superficie complessiva del centro commerciale si aggira sui 24mila metri quadrati con un parcheggio per 1.800 posti auto.

Il gruppo Auchan-Rinascente continuerà a svolgere attività di vendita — sottolinea una nota — all’interno dell’ipermercato e sarà il gestore della galleria commerciale. Il valore dell’operazione non è stato comunicato, ma fonti vicine al quartier generale di Monaco di Baviera della Bayernfonds sottolineano che potrebbe aggirarsi intorno ai 100 milioni di marchi tedeschi. Nessuna comunicazione per quanto riguarda il rendimento (yield) relativo all’operazione.

La media del mercato italiano esprime attualmente rendimenti medi intorno al 5-6% per quanto riguarda gli investimenti immobiliari nel settore delle unità destinate a uffici, mentre quanto riguarda il comparto commerciale (shopping center) ci si attesta tra il 6 e il 7% all’incirca.

Dal quartier generale della Bim si osserva che il mercato italiano è tra le opzioni strategiche della società, nell’ambito del processo di sviluppo in Europa e negli Usa. È lecito quindi attendersi nuovi investimenti.

In Italia la società che ha investito di più nel settore delle grandi strutture commerciali è la anglo-olandese Schroders (sei shopping center) cui si aggiungono le tedesche Depfa e Deutsche bank (una struttura ciascuno). Nei mesi scorsi, sempre nel Bresciano, la francese A3c ha acquisito la galleria commerciale di Roncadelle.

V.Ch.