Senza fondi, Tess a rischio In protesta i lavoratori

07/10/2010

Napoli- Le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-Cgil Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil e i lavoratori di Tess Costa del Vesuvio esprimono, in una nota, «viva preoccupazione sui destini e il futuro della società partecipata della Regione Campania e chiedono un urgente incontro con il presidente Stefano Caldoro per conoscerne gli orientamenti rispetto al ruolo della società». «L’attuale incertezza sulle prospettive aziendali e la mancata corresponsione di risorse già impegnate a favore della società— sottolinea il sindacato— creano disagi nella gestione delle emergenze sociali e delle attività istituzionali, mortificano le aspettative di sviluppo economico e sociale di un territorio strategico nell’ambito delle politiche di sviluppo e avviliscono le professionalità dei lavoratori della Tess per i quali non è più assicurata la corresponsione degli stipendi». I lavoratori di Tess Costa del Vesuvio e le organizzazioni sindacali di categoria chiedono al presidente della Giunta un incontro urgente. «Qualora non vi sia adeguata attenzione verso le proprie legittime aspettative — si conclude— i lavoratori attueranno forme di protesta che implicherebbero immediate ripercussioni sul tessuto sociale e istituzionale dell’area».