Sentenza Cassazione 11-04-2000, n. 4629

Malattie – Determinazione del periodo di comporto secondo equità – Condizioni – Fattispecie relativa a clausola della contrattazione collettiva prevedente un periodo di comporto per sommatoria diversificato in ragione della differente anzianità di servizio
Ai fini della determinazione del periodo di comporto, l’art. 2110 cod. civ. rinvia alla legge, ai contratti collettivi, agli usi e all’equità, onde è possibile ricorrere a quest’ultima solo in assenza delle altre fonti; ne consegue che quando la contrattazione collettiva disciplini il comporto per sommatoria, il giudice deve attenersi alla relativa disposizione senza possibilità di sostituirla o integrarla col ricorso all’equità. (Nella specie, essendo stato previsto dal contratto collettivo un comporto per sommatoria della durata di tre o sei mesi a seconda che l’anzianità del lavoratore fosse inferiore o superiore ai dieci anni, era stata richiesta al giudice di merito la determinazione equitativa di un ulteriore periodo di comporto, di durata intermedia rispetto ai due già fissati, per i dipendenti prossimi al raggiungimento dei dieci anni di servizio; in applicazione del principio suesposto, la S.C. ha confermato la sentenza di merito che aveva applicato il più breve periodo di tre mesi al lavoratore che non raggiungeva i dieci anni di servizio, pur essendovi prossimo).
Cass. Sez. Lav., sent. n. 4629 del 11-04-2000