Selfin – lettera a Ministero Sviluppo Economico per grave situazione

Roma, 27 giugno 2012

Via e- mail

Al Sottosegretari allo Sviluppo Economico
Prof. Claudio De Vincenti
Via Molise, 2 – 00187 Roma
Tel. 06.42043.4446 – 4461 – 4339 – 4336
Fax 06.42043.4702
E-mail:
devincenti.segreteria@sviluppoeconomico.gov.it

Egregio Professore,

veniamo a rappresentarLe la grave situazione dei 70 lavoratori Selfin Spa società messa in liquidazione e per i quali è scattato il licenziamento l’8 maggio 2012.
Il licenziamento è avvenuto in quanto il responsabile della procedura concorsuale (Commissario Giudiziale, assistito dallo studio di consulenza al lavoro rag. Oddenino, di cui alleghiamo i riferimenti) si sono rifiutati di fare richiesta di cassa integrazione in deroga fino al 31 dicembre 2012 nonostante la disponibilità data dal Ministero del Lavoro e dalla Regione Campania a consentire l’utilizzo di questo ammortizzatore sociale.
Tale rifiuto, peraltro incomprensibile, ha comportato ulteriore riflesso negativo sullo stato d’incertezza dei lavoratori, già provati da questa lunga e dolorosissima vicenda che sta minando anche la tenuta psicofisica degli stessi, alcuni dei quali tra l’altro hanno subito ricoveri ospedalieri.
La mancanza di richiesta di ulteriore cassa integrazione comporta oltre ad una accorciamento dei tempi di copertura degli ammortizzatori sociali, anche un ritardo delle erogazioni economiche degli stessi, in quanto l’indennità di mobilità non sarà esigibile prima dei 3 o 4 mesi; dobbiamo sottolineare che i suddetti lavoratori come creditori privilegiati vantano arretrati economici dal concordato arretrati che non sono ancora stati liquidati.
Nonostante le nostre sollecitazioni, la consulente del lavoro, rag. Oddenino, continua a rimandare le spettanze dovute ai lavoratori, senza tener conto che diventa praticamente insostenibile una ulteriore dilazione dei tempi, pena la banale sopravvivenza.
Ci rivolgiamo pertanto a Lei, per la sua autorevolezza affinché intervenga presso il Commissario Giudiziale, nonché la consulente del lavoro, perché venga erogato ai lavoratori in tempi brevissimi quanto loro dovuto o a limite un acconto per evitare il drammatizzarsi della situazione, che potrebbe ripercuotersi sull’ordine pubblico.
In attesa di un suo sollecito e cortese riscontro cordiali saluti.

p. la Filcams Nazionale
F.Carlini
Il Segretario Reg. CGIL Campania
Alfonso Viola
Il Segretario Reg. Filcams CGIL Campania
Raffaele Lieto