Selfin in AS, Comdata, Met, comunicato sindacale 31/01/2007

COMUNICATO

Il 30-01-2007 con la sottoscrizione del verbale d’accordo che prevede l’acquisizione di Selfin da parte del Gruppo Comdata, si è conclusa positivamente la lunga e dolorosa vicenda dei lavoratori che hanno lottato per 2 anni per difendere la loro azienda e i loro posti di lavoro.

La Selfin, infatti, era stata ceduta da IBM a Metfin, ed a seguito di questa scellerata decisione nel giro di pochi mesi era finita in amministrazione straordinaria.
Oggi l’azienda viene acquisita da un gruppo importante che ha dichiarato di credere nell’operazione di rilancio in quanto i lavoratori della Selfin costituiscono un serbatoio di grande professionalità.
L’accordo sancisce che l’occupazione verrà integralmente salvata, in quanto Comdata, che aveva fatto l’offerta per 110 lavoratori ha accettato di prendere l’intero organico peri a 144 lavoratori come chiesto dal sindacato e dalle RSA.

Bisogna ricordare che in tutta questa vicenda sono stati di grande supporto alla lotta dei lavoratori, il Ministero dello Sviluppo Economico, la Regione Campania, la Provincia di Caserta.
L’IBM è stata costretta ad essere presente a tutti gli incontri ministeriali per seguire la vicenda fino ad una sua positiva soluzione impegnandosi a garantire adeguati accordi di partenership con l’eventuale azienda acquirente per attribuire a Selfin commesse adeguate.

Tale impegno è stato ribadito ieri di fronte al Ministero dello Sviluppo economico. Ci aspettiamo coerenze di comportamento perché è il minimo che IBM possa fare dopo i fatti avvenuti per sua grande responsabilità.

Comdata da parte sua, ha dichiarato che presenterà un suo piano industriale di rilancio, pur rimarcando l’importanza di realizzare un buon accordo commerciale con IBM.
I risultati della giornata del 30 che sono sanciti nei rispettivi verbali, quello del Ministero dello Sviluppo Economico e quello in sede sindacale, costituiscono la prima tappa per fermare la pericolosa deriva in cui era scivolata la Selfin e permettono di intraprendere il cammino della risalita.

La lotta e la tenacia dei lavoratori è stata fondamentale per ottenere questo primo risultato da cui ripartire per restituire alla Selfin il ruolo di centro di eccellenza di informatica per il Sud.
I lavoratori continueranno ad essere vigili e attenti e quindi parte attiva perché questo obbiettivo venga realmente raggiunto.

Roma, 31 gennaio 2007

Filcams Nazionale