Selex aprirà 294 nuovi punti vendita in due anni

08/12/2000

loghino.gif (3272 byte)

ombraban.gif (478 byte)


Venerdì 8 Dicembre 2000
italia – economia
La rete commerciale aprirà 294 nuovi punti vendita in due anni.

Selex, piano da 340 miliardi

MILANO Il gruppo distributivo Selex, che associa 21 imprese indipendenti a carattere regionale, ha messo in cantiere un piano di investimenti da 340 miliardi di lire per i prossimi due anni per lo sviluppo della rete di vendita, con particolare riguardo per le superfici di maggiori dimensioni.

Nel corso del 2000 — come sottolinea una nota Selex — è stato superato il traguardo del milione di metri quadrati di superficie commerciale: ipermercati e mini-iper sono attestati a quota 24, cui si aggiungono 86 supermercati integrati (tra i 1.500 e i 2.500 metri quadrati) e 496 supermarket di minori dimensioni. Selex conta inoltre 61 strutture cash&carry all’ingrosso e 252 hard discount. «L’aspetto più significativo è la crescita realizzata nei grandi formati — sottolinea Marcello Cestaro, presidente di Selex —. Gli ipermercati e i supermercati integrati stanno diventando sempre più i canali di maggior peso del gruppo».

Nel 1997 le vendite della rete Selex ammontavano a 7.510 miliardi. Alla fine di quest’anno dovrebbero essere raggiunto gli 8.650 miliardi. Per il 2001 l’obiettivo del gruppo è di raggiungere quota 9.300 miliardi.

Il pacchetto di investimenti realizzerà 294 nuove strutture commerciali, di cui 131 nel corso del prossimo anno e 163 nel 2002. In particolare sono previste 15 nuove strutture commerciali oltre i 2.500 metri (iper) per un totale di 49.500 metri quadrati, 17 supermercati integrati, 41 supermarket, 190 tra superette e negozi specializzati, 28 hard discount e tre nuovi cash& carry. In totale il piano di investimenti dovrebbe, con la realizzazione di circa 170mila metri quadrati di superficie commerciale, di far raggiungere all’intero gruppo la quota di un milione e 200mila metri quadrati. In particolare 150 nuovi negozi verranno realizzati da due partner tedeschi del gruppo Selex, ossia Schlecker e Drogerie markt.

Il gruppo Selex inoltre porterà avanti il processo di concentrazione dei punti decisionali con consorzi commerciali di area. Accanto a Sinergie commerciali e Corum è in fase di realizzazione un nuovo consorzio per il Nord-Ovest e la Sardegna, che raggrupperà nove imprese Selex. Nei rapporti con la grande industria di marca Selex svilupperà gli accordi unici di gruppo: «I risultati positivi e l’apprezzamento dell’industria di marca — sottolinea Riccardo Francioni, procuratore Selex — ci hanno convinto a continuare con questa impostazione, allargando il numero delle imprese con le quali fare questa unica negoziazione».

Un altro importante cambiamento è in corso nel settore non alimentare: sono previsti cento accordi unici di gruppo, e acquisti in comune con la centrale Markant tedesca. Selex, infine, intende rafforzare le intese con la centrale europea Emd anche attraverso il decollo nel 2001 di un maxiportale Internet destinato alle relazioni tra imprese (B2B).

V.Ch.