Securpol Group – esito incontro del 4/02/2013

Roma, 6 Febbraio 2013

Oggetto: Securpol Group – esito incontro del 4 febbraio 2013

il 4 febbraio si è tenuto il programmato incontro con Securpol Group.
Dopo un breve report sugli incontri svolti a livello territoriale, da noi richiesti con lo scopo di analizzare con le RSA/RSU la situazione di ciascuna filiale per quanto attiene eventuali sprechi o i possibili risparmi derivanti da un efficientamento dell’organizzazione, l’azienda ci ha comunicato che, preso atto di quanto segnalato dalle RSA/RSU, valuterà la possibilità di correggere gli eventuali sprechi.

Si è proceduto ad analizzare la bozza di testo che vi ho inviato. Abbiamo rilevato le numerose criticità presenti, proponendo, come Filcams e Fisascat, una alternativa praticabile.

Partendo dalla mole di lavoro straordinario, che in particolare come Filcams avevamo indicato come criticità e come possibile recupero economico, abbiamo proposto di accantonare parte delle ore straordinarie mensili in banca delle ore, utilizzando così uno strumento già previsto contrattualmente. Deve essere fatta salva la volontarietà di svolgere lavoro straordinario. Stante, come ci dice l’azienda, la necessità del lavoro straordinario, le ore accantonate in banca ore dovranno essere computate in proporzione al maggior lavoro svolto. Questo consente di correggere quanto avviene in parte delle filiali dove lo straordinario viene concesso in modo discrezionale dai superiori.

L’accordo deve avere carattere di sperimentalità per un anno e la sua corretta applicazione, così come gli effetti, devono essere monitorati sia a livello territoriale che nazionale. Non devono essere previste altre forme di “trattenuta” dalle retribuzioni dei lavoratori.

Dopo una breve sospensiva l’azienda si è resa disponibile a proseguire il confronto seguendo le indicazioni da noi fornite. A tale scopo nei prossimi giorni provvederà ad inviarci un nuovo testo che discuteremo nel prossimo incontro, che si

terrà il giorno 19 febbraio, alle ore 14.30, presso l’Hotel Massimo D’Azeglio, Via Cavour 18, in Roma.

E’ molto probabile che si tratti di un incontro decisivo, si raccomanda perciò puntualità e massima partecipazione delle strutture e delle RSA/RSU coinvolte.

Provvederemo ad inviarvi il testo, non appena disponibile.

p. la Filcams Cgil Nazionale
Sabina Bigazzi