SD Temporary & Agency Workers

In data 15-06-2012 a Bruxelles, si è tenuto il secondo incontro del 2012 per il Dialogo Sociale per il settore del lavoro interinale. Erano presenti UNI (Giedre Lelyte), EuroCiett (vari rappresentanti), Ellen Durst la rappresentante della Commisione Europea , Bertrand MULLER-SCHLEIDEN Commissione Europea , Eckhard Voss di WMP Consult e per i Sindacati rappresentanti di Spagna,Francia, Portogallo, Polonia, Bulgaria, ,Belgio, Finlandia, Svezia. Per l’Italia Mara Riboni e Sergio Pennati di FILCAMS CGIL ,Andrea Borghesi NIDIL CGIL ed Enrico Cecchi di UILTUCS

Nel corso del pre-meeting Giedre Lelyte di UNI ha comunicato ai Sindacati presenti che sostituirà Laila Castaldo per tutte le attività UNI Europa attualmente in corso per il settore del lavoro interinale.

All’inizio del meeting plenario è stata approvata l’agenda ed il riassunto degli ultimo incontro dello scorso 08-02-2012. Si è quindi passati alla analisi della proposta elaborata dalla Commissione Europea per la revisione ed il rafforzamento della direttiva 96/71/EC relativa ai lavoratori distaccati. La proposta ha come obiettivi principali l’applicazione e messa in opera della direttiva 96/71/EC ed la soluzione ad alcune critiche alla direttiva sollevate dalla corte di giustizia europea su temi economici e sociali. L’esperto della Commisisone Europea ha presentato brevemente il documento in modo generale rispondendo ad alcune domande dei partecipanti. Si prevede che i lavori per la preparazione della proposta per il rafforzamento della direttiva 96/71/EC termineranno per metà settembre 2012, data nella quale la commissione valuterà se la commissione riesaminerà o menderà la proposta. L’idea è quella di chiudere il processo con Aprile 2013.

Vengono quindi presentate da Eckhard Voss di WMP Consult le linee guida seguite per la raccolta di informazioni necessarie per lo svolgimento del progetto congiunto “ Temporary Agency Work And Transitions In The Labour Market”. Il progetto ha l’obiettivo di individuare quale ruolo svolge il lavoro interinale nella transizione delle persone da studio a lavoro, da lavoro a lavoro, da disoccupazione a lavoro nei principali stati membri. Il progetto verrà terminato entro metà Ottobre e verrà presentato ad un convegno appositamente organizzato. L’Italia è tra i 6 paesi per i quali è stata fatta una indagine approfondita sul tema. Gli altri paesi saranno Belgio, Germania, Paesi Bassi, Regno Unito e Spagna.Verranno comunque forniti anche dati generali a livello Europa sul fenomeno. Lo studio sarà disponibile in Francese , Inglese e Spagnolo.

E’ intervenuto quindi Mr Delaroue di ILO per la presentazione sullo stato di ratifica della convenzione 181 , chiedendo a UNI e EUROCIETT collaborazione per la ratifica della convenzione . Viene inoltre segnalato che e’ in preparazione l’agenda per il prossimo incontro di Ginevra, UNI chiede maggior coinvolgimento ed informazioni in vista del prossimo incontro di Ginevra visto anche l’esito senza documento finale di consenso dell’ultimo incontro di Ginevra del 2011.

Si è poi passati ad analizzare con Bertrand Muller-Schleiden la situazione della trasposizione della direttiva 2008-104-CE nei vari stati membri. Al momento alla Commissione risulta che 20 paesi hanno completamente trasposto la direttiva, 2 paesi hanno trasposto parzialmente la direttiva. 24 paesi hanno mandato alla Commissione Europea le informazioni circa la possibile rimozione di restrizioni nell’utilizzo del lavoro interinale, 3 paesi non hanno dato alcuna notizia. L’Italia con NIDIL ha segnalato la recente trasposizione della direttivain Italia lamentando la rimozione eccessiva di limiti sia quantitativi sia di motivi di ricorso ed uno scarso coinvolgimento delle parti sociali. UNI ed Eurociett chiedono di ricevere le informazioni circa le restrizioni che i 24 paesi hanno inviato alla commissione europea. E’ seguito un giro di tavolo di tutti i rappresentanti sindacali dei lavoratori e datoriali circa lo stato della trasposizione della direttiva nel paese di provenienza.

Viene chiesto dalla Commissione Europea in quale stato (Serbia o Croazia) si intende organizzare la prossima tavola rotonda. Uni si riserva di dare una risposta perchè non ha ancora ricevuto risposte dai sindacati locali. Eurociett indica la Serbia.
La prossima ed ultima data di incontro per il 2012, da confermare, sarà in 16 Ottobre 2012.

A cura di Mara Riboni