Scuola, mille «ausiliari» a rischio: l’appello Cgil

26/10/2010

TARANTO — Lavorano tre-quattro ore al giorno con un reddito di 400 euro al mese. Sono gli addetti alle pulizie nelle scuole di Taranto e provincia che rischiano di perdere anche questo modesto introito a causa dei tagli nella scuola. La Filcams-Cgil e il deputato Ludovico Vico lanciano l’allarme per il futuro occupazionale di questi lavoratori mentre il parlamentare annuncia un’interpellanza al ministro. Attualmente all’interno delle scuole operano per l’appalto denominato «storico» la Dussmann service con 663 lavoratori dipendenti, distribuiti tra Taranto e provincia, la Mamillaria con 40 lavoratori esclusivamente impegnati su Ginosa e Ginosa Marina, mentre per l’appalto denominato «ex Lsu» con la Euroservizi lavorano 200 persone, distribuite esclusivamente nella provincia. L’appalto, scaduto a giugno scorso, è stato prorogato sino a fine dicembre e, fino ad oggi, non c’è traccia di nuovi bandi o di ulteriori proroghe. L’unica certezza è la procedura di licenziamento collettivo già avviata per circa mille lavoratori. Il sindacato chiama a raccolta i parlamentari perché si impegnino a risolvere questa situazione.