Scuola, mercoledì si fermano i lavoratori socialmente utili

25/11/2002

            sabato 23 novembre 2002
            a rischio 16mila posti
            Scuola, mercoledì si fermano i lavoratori socialmente utili

            ROMA Cgil, Cisl e Uil hanno indetto
            per il 27 novembre uno sciopero dei
            lavoratori socialmente utili (lsu) del
            personale ausiliario, tecnico e
            amministrativo (Ata) delle scuole.
            «La situazione dei lavoratori
            provenienti dal bacino dei lavoratori
            socialmente utili e assunti nelle
            società miste operanti nel sistema
            scolastico, unitamente ai collaboratori
            coordinati e continuativi – affermano,
            in una nota, i sindacati – ha assunto una
            gravità estrema.
            Dal primo gennaio, in assenza di
            stanziamenti nella legge Finanziaria,
            circa 16 mila rapporti di lavoro saranno
            risolti. Contemporaneamente nella
            Finanziaria si prevede, per la scuola,
            la terziarizzazione di attività».
            L’analisi della situazione relativa
            ai Lsu che operano come
            personale amministrativo tecnico
            ed ausiliario nella scuola è
            contenuta in una lettera che
            Cgil, Cisl e Uil hanno fatto pervenire
            ai presidenti dei gruppi
            parlamentari del Senato cui le
            confederazioni hanno richiesto
            un incontro urgente.
            «Impegni a suo tempo presi
            dal governo, di garantire gli
            stanziamenti per la copertura degli
            appalti, sono stati disattesi e, qualora
            non si provvedesse con interventi
            tempestivi in finanziaria – scrivono
            i segretari – si determinerebbero,
            oltre ai rilevantissimi problemi
            occupazionali sopra descritti,
            situazioni di estremo disagio per
            le attività scolastiche».