Scuola: Filcams Cgil, drammatica situazione per lavoratori appalti pulizia = mancano i fondi per secondo semestre 2010 e non si sa nulla per 2011

23/10/2010

Roma, 23 ott. – (Adnkronos) – E’ ”drammatica” la situazione per circa 25mila lavoratrici e lavoratori degli appalti di pulizia degli istituti scolastici (Lsu stabilizzati e lavoratori operanti nei
cd ”appalti storici”): e’ la denuncia della Filcams Cgil che ne individua la causa ”nella mancanza di fondi di finanziamento e dei tagli previsti dal Ministero dell’Istruzione”.

”Nonostante siano gia’ stati messi a bilancio, mancano i fondi per la copertura economica del secondo semestre del 2010; non c’e’ traccia di discussione per il proseguo degli appalti per il 2011 e in alcuni casi gli appalti sono in scadenza; come in Molise e Campania – 30 novembre 2010 – dove esiste il nucleo piu’ numeroso con oltre 5.500lavoratori, che rischiano di tornare nello stato di precarieta’ da cui provengono. Stanno vivendo la stessa situazione altri 12.000
lavoratrici e lavoratori impiegati negli appalti servizi di pulizia e attivita’ ausiliarie (sorveglianza, custodia) cosiddetti ‘appalti storici’ impiegati anche nei nidi d’infanzia e scuole materne”, afferma la Ficams.

Per gli ”appalti storici” la condizione ”e’ resa ancora piu’ grave perche’ gia’ nel dicembre 2009 avevano subito dei tagli da parte del Ministro dell’universita’ e della Ricerca pari ad una riduzione del 25% sui contratti di appalto”. La Filcams Cgil lancia l’allarme: ”Siamo fortemente preoccupati per questa mancanza di attenzione e comunicazione; e l’attuale situazione non fa presagire nulla di positivo. Tanti, troppi, i lavoratori che rischiano il posto di
lavoro” spiega la Filcams Cgil ”con forti ripercussioni anche sulla salubrita’ e la sicurezza degli ambienti scolastici.”