SCIOPERO NH HOTELS: ALTA ADESIONE IN TUTTA ITALIA

21/09/2012

21 settembre 2012

Sciopero NH Hotels: Alta Adesione in tutta Italia

Alta l’adesione dei lavoratori della catena NH Hotels allo sciopero indetto da Filcams CGIL, Fisascat CISL e Uiltucs UIL per contrastare la ristrutturazione aziendale che prevede il licenziamento di 382 lavoratori e la disdetta di tutti gli accordi integrativi. Adesione pressoché totale a Palermo e La Spezia, dove l’azienda ha inviato lavoratori interinali a sostituire gli addetti in sciopero. Le Federazioni Territoriali stanno valutando azioni legali. A Milano si sono astenuti dal lavoro il 75% degli addetti, che hanno costituito un presidio/corteo itinerante che di albergo in albergo è giunto fino davanti alla sede amministrativa. Riusciti i presidi di Firenze ( dove sono confluiti anche i lavoratori di Siena) e di Roma ( dove si sono toccate punte di adesione del 90%) davanti all’Hotel Leonardo da Vinci che ha visto la partecipazione di oltre 200 persone.

Le Organizzazioni Sindacali si appellano al Ministero del Lavoro dove già lunedi 24 le parti si incontreranno e al Ministro Corrado Passera, il cui fratello, tra l’altro, siede nel Consiglio di Amministrazione dell’ azienda.

“L’azienda deve aprire ad una trattativa vera, che per ora, non c’è stata. Come sindacato non possiamo accettare che una ristrutturazione debba tradursi nel licenziamento automatico di quasi 400 lavoratori.” Afferma Cristian Sesena Segretario Nazionale Filcams CGIL: “ Lunedi è previsto un incontro al Ministero del Lavoro. Qualora la situazione non si sblocchi coinvolgeremo ancora il Ministero dello Sviluppo Economico. NH non ha un piano industriale credibile. Con questi chiari di luna, a rischio non sono solo i 382 lavoratori di ora, ma in prospettiva medio breve, tutti i quasi 1400 lavoratori della Catena. Se il Governo davvero vuole continuare ad essere credibile quando parla di Sviluppo non può ignorare le sorti dei lavoratori di un settore strategico come il Turismo.”