Sciopero mense, oggi pranzo a rischio

05/11/2001



affari e lavoro 
Lunedì, 5 novembre 2001







Sciopero mense, oggi pranzo a rischio

I lavoratori iscritti alla Cisl protestano contro il mancato rinnovo del contratto provinciale atteso dal 1992. Presidii davanti all’Unione Commercio e presso alcune aziende del settore.



MILANO – Rischiano di saltare il pranzo tutti coloro che si recano nelle mense aziendali, scolastiche e ospedaliere. I lavoratori aderenti al sindacato della Cisl infatti oggi scioperano per il rinnovo del contratto integrativo provinciale, atteso dal 1992.

Pericolo quindi di trovare vuote le refezioni in scuole, asili, ospedali, enti pubblici e aziende, che potrebbero essere interessate dall’astensione al lavoro. Lo sciopero durerà tutta la giornata e in concomitanza con l’agitazione dalle 9 alle 11 si terrà un presidio davanti alla sede dell’Unione Commercianti, in corso Venezia 49; mentre presidi itineranti in pullman sono previsti davanti alle sedi didei centri cottura Limbiate e Pioltello e presso le direzioni aziendali Onama, Sodexho, Gemeaz e Pellegrini.

In un nota la Cisl precisa: “Il nuovo ricorso allo sciopero si rende necessario dopo l’ennesima interruzione della trattativa, per responsabilità delle associazioni padronale Fipe e Angem aderenti alla Confcommerico, che hanno sfruttato la situazione di tensione internazionale in modo strumentale”. Altre giornate di protesta sono previste a dicembre.

(5 NOVEMBRE 2001, ORE 8:41)