SCIOPERO FNAC 5 OTTOBRE, CHIUSI TUTTI I PUNTI VENDITA

05/10/2012

5 ottobre 2012

Sciopero Fnac 5 ottobre, chiusi tutti i punti vendita



Le organizzazioni sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil esprimono grande soddisfazione per la riuscita dello sciopero nazionale delle lavoratrici e dei lavoratori Fnac proclamato per il giorno 5 ottobre che ha visto la chiusura di tutti i punti vendita in Italia. L’adesione di quasi il 100% dell’organico allo sciopero é segnale evidente del disagio che stanno vivendo i dipendenti di Fnac Italia da ormai troppi mesi.

“Ringraziamo tutte le lavoratrici e i lavoratori” affermano i sindacati “per il sacrificio e l’impegno che hanno messo in questa prima mobilitazione nazionale caratterizzata da importanti iniziative territoriali che sono riuscite a coinvolgere, oltre ai dipendenti, anche la cittadinanza, le istituzioni e in alcuni casi anche volti noti della cultura.”

Da quasi un anno dalla lettera dell’amministratore delegato del gruppo, che dichiarava l’insostenibilità della gestione italiana e l’avvio di una riflessione per individuare una soluzione, regna il silenzio. I termini si avvicinano e se entro il 31 dicembre prossimo non si troverà una soluzione, degli acquirenti di sposti a subentrare nella gestione, tutti i punti vendita rischiano la chiusura.


Fnac è una società del Gruppo PPR, che detiene tra gli altri Gucci e Bottega Veneta; in Italia ha 8 negozi, – Roma, Napoli, Firenze, Torino, Milano, Genova e Verona, – circa 600 dipendenti di età compresa tra i 30 e i 35 anni.


“Come organizzazioni sindacali proseguiremo nel percorso avviato fino a che non otterremo risposte esaurienti dalla direzione aziendale, utilizzando i tavoli istituzionali aperti sia a livello territoriale che nazionale, a partire dal l’attesa incontro con Ministero dello Sviluppo Economico.”