Scajola dalle misure un sostegno rapido Epifani: effetto nullo

23/03/2010

li incentivi con il tetto fanno già discutere, Sipu prevedere che i bonus si esauriscano presto, in pochi mesi: effetto del meccanismo del rubinetto che premia chi arriva prima. Senza contare le recriminazioni dei settori rimasti fuori, Ieri si sono aggiunti il botta e risposta Epifani-Scajola e i dubbi espressi dal presidente della Camera Gianfranco Fini. Spargendo gli incentivi «su tanti settori dice il leader della Cgil Gugliemo Epifani l’effetto sarà praticamente nullo. Non si fa politica industriale con 300 milioni». Per i consumatori, attraverso Abushef e Federconsumatori, «questi incentivi, se usufruiti completamente, potranno influire sulla domanda di mercato per neanche i miliardo, a fronte degli oltre 20 miliardi venuti a mancare», Dopo le parole di Epifani interviene Scajola: «Non rispondo al segretario della Cgil, ma ai cittadini». «Abbiamo scelto i settori che avevano sofferto maggiormente la crisi aggiunge – abbiamo spalmato gli incentivi in maniera tale che in breve tempo ci possa essere un incentivo all’acquisto proprio in questa fase che riteniamo pi importante per dare una risposta alla produzione». Per Federica Guidi, presidente dei Giovani imprenditori di Confindustria, bisognava garantire maggiori risorse ma è «positivo il modo in cui sono stati pensati, perché premiano l’innovazione e l’efficienza». A stemperare i timori per il meccanismo a rubinetto è invece il ministro del lavoro Maurizio Sacconi: «Una volta esauriti questi incentivi verifìcheremo la possibilità di riproporli e magari anche di allargarli ad altri settori». Il problema tuttavia, a giudizio del presidente della Camera Fini, è più ampio. È un problema di visione . «Quando si parla di incentivi commenta, a margine di un convegno a Verona siamo alla vecchia logica di destinarli a beni di consumo. Perché non pensiamo invece a incentivi da dare alle imprese perché assumano giovani formati nelle università locali evitando così che finisca- no all’estero?».

Ieri si è lavorato per perfezionare il testo aperto uscito dal Cdm di venerdì. E entrata la norma che elimina la retroattività della disciplina sulle polizze dormienti Ed è stata inserita la proroga che risolverà almeno per ora il problema sollevato dalla categoria dei noleggiatori per la misura restrittiva del mille proroghe . Tra pochi giorni, inoltre, sarà firmata la convenzione tra il governo e Poste per gestire l’accesso ai bonus sulla base del decreto attuativo (si veda Il Sole 24 Ore di domenica scorsa). La società guidata da Massimo Sarmista predisponendo il sito per il monitoraggio telematico degli incentivi erogati dai negozianti.