Sanremo. Allarme lavoro nero

19/10/2006
    gioved� 19 ottobre 2006

    Pagina 3 – Economia

    Allarme lavoro nero. Fenomeno in crescita: nel primo semestre 2006 su 802 controlli scoperte 434 violazioni di legge
    Cooperativa con 264 dipendenti: in regola solo 49
    E’ una delle tante realt� sommerse venute alla luce dopo i controlli degli ispettori in provincia

    Sanremo. Una cooperativa con sedi anche nel territorio imperiese gestiva 264 lavoratori piazzandoli presso altre aziende, ma soltanto 49 di questi sono risultati in regola.

      E’ una delle macroscopiche realt� emerse dalle 802 ispezioni compiute nel primo semestre del 2006 dai vari enti – Inail, Inps, Inail, Direzione provinciale del lavoro, Enpals, Enasarco, Guardia di Finanza, Agenzia delle Entrate – che vigilano sul rispetto delle norme che (dovrebbero) regolare il mondo del lavoro. Il dato � stato comunicato ieri da Claudio Ferrari, vicario del servizio ispettivo della Direzione provinciale del lavoro, nel convegno a Villa Nobel su "Il lavoro non regolare in provincia di Imperia: caratteristiche e interventi preventivi" promosso dalla Provincia e in particolare dal settore Servizi per l’impiego. Ferrari, davanti a un pubblico molto specializzato, ha parlato anche dell’esperienza del Cles, il Comitato per l’emersione del lavoro nero.

      Le citate 802 ispezioni hanno portato ad accertare 434 violazioni alla legge, dalle pi� gravi a quelle meno pesanti, e ben 502 aziende (il 65 per cento) sono risultate macchiate da irregolarit�. Sono stati controllati 2.236 lavoratori, il 20 per cento dei quali erano in qualche modo irregolari. E, di questi, la met� era totalmente sconosciuta agli enti previdenziali, non era registrata. La percentuale pi� alta di dipendenti in nero o in "grigio" (cio� con posizioni viziate da violazioni meno gravi, come il mancato rispetto degli orari di lavoro o dei riposi) � stata riscontrata nel settore del commercio e turismo e dei servizi alla persona, seguito dall’edilizia. Anche se le stime dell’Istat dicono che in provincia di Imperia � l’agricoltura a registrare la pi� forte presenza di irregolari, tra il 23 e il 29 per cento del totale degli addetti.

      A fronte di questo fenomeno cos� pesante (ma secondo la Cgil i numeri sarebbero ancora peggiori), Regione e Provincia hanno promosso una serie di interventi di controllo e prevenzione, anche attraverso l’incrocio delle banche dati dei vari enti. Mentre nella scuola sono stati promossi progetti di educazione alle legalit�: il professor Beppe Monticone ha illustrato quello in corso all’Istituto per geometri "Colombo".

        C.D.