Sanatoria in salsa ricca

31/01/2002

La Gazzetta del Mezzogiorno





��



      Sanatoria in salsa ricca

      Sanatoria all’italiana o in salsa padana? In una riunione di maggioranza, i �centristi� (Ccd e Cdu) della coalizione di governo di centrodestra hanno ottenuto il �s�, di Bossi in persona e quello di Fini in persona, alle regolarizzazioni delle colf. Arriva Ia �sanatoria�: chi svolge lavoro domestico potr� mettersi in regola e non lavorare pi� da �clandestino�.
      Era nell’aria. Le pressioni dei centristi di area cattolica, specie di Buttiglione e Giovanardi, sono state forti e �benedette� dagli ambienti ecclesiastici, visto che si tratta di un provvedimento che va nella direzione di un intervento d’aiuto alle famiglie e visto che a trarre beneficio, in concreto, saranno soprattutto immigrati appartenenti a comunit� di cultura religiosa cristiana come quella filippina o come quella polacca, per restare a due esempi. Ma tant’�. La sanatoria – si fanno due date: luglio o al pi� tardi fine estate – � concepita sotto forma di emendamento del Governo in sede di approvazione del disegno di legge 795/S conosciuto come legge Bossi-Fini. Un percorso ad ostacoli: passer� la sanatoria se passer� il resto del ddl. Ed � il primo �neo�. Il secondo deriva leggendo tra le pieghe della notizia: il datore di lavoro dovr� pagare una certa quota di contributi assicurativi pregressi non versati; l’immigrato, una parte delle tasse non pagate per il periodo in �nero�. Uno sbarramento. La Lega giustifica: �Altrimenti ci troveremmo davanti a tutti immigrati-colf�. L’opposizione tuona: �Cos� si favoriscono i ricchi�.
      C’� un motivo per cui tirare il fiato e sperare, ce ne � un altro per cui storcere il muso. In molti paesi delle zone interne della Puglia, pi� ancora in quelli della Basilicata, � consistente l’esercito delle colf ucraine, moldave, bielorusse e russe, al servizio di donne e uomini soli, anziani, molto anziani, e anche molto malati. La sanatoria, allora, � una manna per molte donne giunte attraverso una rete parallela di collocamento cos� collaudata e potente da garantire, da Tursi a Roccanova, lavoro a tutte e a tempo. Ma quanti dei �nostri anziani� hanno soldi per mettere in regola �il proprio bastone della vecchia�? Milioni di lire, centinaia di euro. Mica bruscolini.