Sanatoria colf, via libera per le famiglie con disabili

21/12/2001





Sanatoria colf, via libera per le famiglie con disabili
ROMA – Espulsioni operative in 48 ore per gli extracomunitari irregolari e possibilità, ma solo per le famiglie con anziani e disabili da assistere, di regolarizzare le colf clandestine. Sono queste le indicazioni giunte al termine del vertice di ieri a Palazzo Madama tra il Governo e i partiti di maggioranza. A spiegare l’accordo raggiunto per «radicalizzare e accelerare il meccanismo delle espulsioni» è stato il ministro delle Riforme istituzionali, Umberto Bossi: il leader leghista ha affermato che è stato messo a punto un meccanismo che consentirà l’espulsione degli extracomunitari irregolari entro 48 ore. Ma dal vertice, cui hanno preso parte, oltre al ministro delle Riforme, il vicepresidente del Consiglio Gianfranco Fini, il ministro dell’Economia Giulio Tremonti e quello del Lavoro Roberto Maroni, in tema di immigrazione è uscito anche un altro accordo: Governo e maggioranza sono infatti intenzionati a concedere la regolarizzazione delle colf extracomunitarie solo nei casi in cui siano impiegate in famiglie disagiate per la presenza di ammalati e disabili. L’articolo è stato inserito nella legge delega all’esame della commissione Affari costituzionali del Senato. Non si ricorrerà, quindi, al decreto legge. Maroni è stato incaricato di studiare i contenuti della delega che sarà data dal Parlamento allo stesso ministro per la regolarizzazione delle colf che lavorano in famiglie disagiate o che svolgono attività di assistenza domiciliare a persone anziane e disabili. Solo nei prossimi giorni, perciò, ha concluso Maroni, sarà messa a punto una «mappatura» delle situazioni in cui è possibile la regolarizzazione degli extracomunitari.

Venerdí 21 Dicembre 2001