Salvataggio Cit, tutto da rifare

20/02/2007
    martedì 20 febbraio 2007

    Pagina 43 – Finanza & Mercati

    PARTERRE

    Salvataggio Cit, tutto da rifare

    Dopo quasi un anno in amministrazione straordinaria, il salvataggio di Cit è ancora in alto mare. Nel fine settimana il nuovo commissario straordinario, Antonio Nuzzo, ha presentato al ministero il piano di vendita per la disastrosa compagnia turistica. Sembra di essere tornato indietro di dodici mesi quando il precedente commissario Ignazio Abragnani indisse un bando per vendere Cit che non è mai stato completato perchè nel frattempo era stato revocato dall’incarico dopo l’insediamento del nuovo Governo. Così il compleanno numero 80 per la storica compagnia turistica suona un po’ triste.

    Intanto Abrignani, esponente di Forza Italia, ha presentato un ennesimo ricorso al Tar, il terzo in cinque mesi, per risalire in sella alla moribonda società, sospesa in Borsa da più di un anno e mezzo. Il braccio di ferro tra i commissari, complice un’applicazione ortodossa dello spoil system, non è stato ininfluente perchè ha fatto perdere mesi preziosi tenendo la procedura in stand-by.

    A questo punto se lo Stato non prenderà decisioni in tempi brevi, l’amministrazione straordinaria potrebbe non essere più un’adeguata protezione dal fallimento per Cit. Eppure strade alternative alla vendita e più brevi ci sono: un concordato, per salvare tutto il gruppo senza fare spezzatini, è ancora possibile e pretendenti non mancano. (S.Fi.)