Saluto di apertura della Conferenza, Budapest 13-14 October 2004

Saluto di benvenuto del Presidente ETLC Gabriele Guglielmi

Vengo da Roma
Città eterna , attraversata dal fiume Tevere
E ne l quale si specchiano i palazzi e le luci

Ma le più belle luci che si specchiano nel fiume
ritengo siano quelle di Budapest nel Danubio
Questa è la prima emozione che mi sale quando ricordo la prima volta che sono stato in questa meravigliosa città

Prima di entrare negli argomenti della Conferenza del Comitato Europeo di Collegamento fra i Sindacati del Turismo e di quelli del Forum Europeo del Turismo

Vorrei sottolineare che:

Fare turismo è anche creare e vendere emozioni

Ed è in questo modo che saluto:

Béla Pál, State Secretary for Tourism, Hungary

Per la sua partecipazione ai nostri lavori e per aver organizzato il
Primo Forum europeo dell’allargamento.

Questa riunione ha cambiato data e sede, è stata spostata a Budapest per:
-consentire a tutti noi di partecipare al Forum UE sul Turismo
-affinché i nuovi paesi membri possono essere più facilmente integrati nella ETLC Conference proprio perché la novità è che questa è la prima riunione ETLC convocata e fatta dopo allargamento

Chi è ETLC
Comitato Europeo di Collegamento fra i Sindacati del Turismo

Il difetto di molti di noi è quello di pensare che il mondo sia fatto come lo siamo noi

Anche il sindacato spesso ha questo difetto e cerca di ingabbiare il mondo nei propri schemi e nelle proprie categorie
In questo modo spesso si trova senza gli strumenti giusti e senza ferri del mestiere adatti

Il mondo del turismo è complesso e articolato e per affrontarlo adeguatamente il sindacato aveva necessità di mettere in rete le sue diverse presenze e coordinarle

Coloro che nel 1995 fondarono ETLC hanno fatto una mossa intelligente, oggi indispensabile per portare il punto di vista del sindacato ovunque.

Oggi ETLC

Rappresenta ,
con un’unica voce a livello europeo,
sia nei confronti sia delle Istituzioni che delle associazioni imprenditoriali
oltre 9 milioni di lavoratori e lavoratrici nei settori del turismo, dei servizi al turismo, degli alberghi, ristoranti, trasporti, catering, agenzie di viaggio, tour operators, parchi divertimento …

Si batte
per uno sviluppo del turismo sostenibile con particolare riferimento a:
Migliorare le condizioni di lavoro, di qualificazione professionale e formazione degli addetti; per promuovere il dialogo sociale nel settore e mantenere una rete operativa comune fra tutti i sindacati del settore

Cosa abbiamo fatto:
dichiarazioni, documenti comuni, ricerche in materia di turismo ed in particolare ricordo quelli su:
combattere la prostituzione nel turismo, lo sfruttamento minorile;
lavoro nero nel turismo
quali lavori nel turismo europeo
l’impatto delle concentrazioni di imprese sul turismo europeo
l’impatto sul turismo degli attacchi terroristici e della guerra
turismo e sviluppo sostenibile

Partecipiamo ai Comitati Aziendali Europei, ci siamo battuti per l’allargamento e lavoriamo per cooperare con i paesi del Mediterraneo e abbiamo attivato tavoli di dialogo sociale
Siamo presenti come rappresentanti del sindacato ed anche come consulenti nei gruppi di lavoro dell’UE
Abbiamo partecipato e partecipiamo con relazioni a tutti i Forum Europei del turismo

Abbiamo contribuito a scrivere la Carta di Venezia che ha aiutato affinché il Turismo fosse inserito nella nuova costituzione europea

Credo di poter affermare con orgoglio che in meno di dieci anni ne abbiamo Fatta di strada

Dalla Conferenza del 12-13 Marzo 2001 di Tenerife sono passati meno di 4 anni

E il mondo è cambiato

11 settembre 2001 gli attacchi terroristici
la guerra che continua al di fuori della legalità internazionale
i continui attentati diretti alle realtà turistiche

terrorismo internazionale e altri fenomeni quali la sars (sindrome da polmonite atipica) che hanno provocato impatti devastanti sul turismo

tutto ciò si aggiunge alle grandi trasformazioni del settore, cito tre titoli

il sempre maggiore diffondersi di internet nei servizi turistici alle imprese e alle persone
la crisi di grandi compagnie aeree e l’espandersi del low cost
2004 è anno del sorpasso dei turisti cinesi sui giapponesi nei viaggi all’estero

Della Conferenza di Tenerife ricordiamo:
-le pressioni negative dei Tour Operators nei confronti dell’albergo che ci ospitava
-lo sciopero delle Baleari e la minaccia di spostare i flussi turistici in Bulgaria (oggi paese candidato)

Ma anche gli:
Obiettivi Tenerife
-nuove tecnologie e trasformazioni del turismo
-Turismo e sviluppo sostenibile
-dialogo sociale
che abbiamo realizzato o per i quali stiamo lavorando

3.
La conferenza odierna del Comitato Europeo di Collegamento fra i Sindacati del Turismo affronta i temi dell’Allargamento

Alcune riflessioni sui parametri di convergenza.

Non possono essere i soli parametri economici e di bilancio quelli che creeranno l’Europa dei popoli, parametri che per di più si sono dimostrati scarsamente affidabili:

Francia e Germania hanno violato il patto di stabilità senza essere stati sanzionati
La Gracia ha addirittura mentito sul suo deficit di bilancio per riuscire a entrare nella zona euro. Dal 2000 il deficit ha superato il 3% previsto dal patto di stabilità, raggiungendo addirittura il 4,1 %., e la Grecia è in Europa

Ribadiamo che deve essere valorizzato l’aspetto sociale dell’Unione, la riduzione della disoccupazione, delle povertà, l’incentivo alla conoscenza

Ed è il mancato raggiungimento di questi parametri che andrebbe sanzionato

Allargamento, opportunità e problemi
Con particolare riferimento a problematiche per le quali il settore del turismo è ancora più coinvolto, ad es. :

-mobilità stagionali
-rispetto contratti
-migranti e parità di trattamento
-lavoratori mobili e vuoto legislativo
-Orari di lavoro: deregolamentazione e rischi per nostro settore

Budapest 13 ottobre 2004
Gabriele Guglielmi