Roma. Zio d´America licenziati i dipendenti

24/06/2004

      ROMA

      GIOVEDÌ, 24 GIUGNO 2004
       
      Pagina VII – Roma
       
      IL CASO
       
      Zio d´America licenziati i dipendenti
       
      I lavoratori hanno deciso di presidiare il locale
       
      Lettera di licenziamento per i 72 dipendenti dello Zio D´America. È stata recapitata ieri ai lavoratori dalla Gesmark srl, la società di gestione del bar-gastronomia a Talenti, al quale una settimana fa l´ufficiale giudiziario aveva messo i sigilli notificando lo sfratto per morosità. «C´erano stati da parte dell´azienda dei ritardi nelle retribuzioni, ma il provvedimento ci ha colto di sorpresa» racconta Claudio Guglielmi, della Filcams-Cgil Roma Est. Ieri i rappresentanti della Gesmark si sono presentati. «Avevano in una mano un acconto sulle retribuzioni di maggio e nell´altra la lettera di licenziamento individuale. Che abbiamo prontamente rigettato» aggiunge il sindacalista. Da giovedì scorso, i dipendenti dello Zio D´America si sono mobilitati e ieri hanno dato vita a un presidio che intendono portare avanti nei prossimi giorni. Intanto è partita a una raccolta di firme nel quartiere a sostegno della riapertura dello Zio d´America. «La Siem, la società che gestisce l´immobile, si è impegnata a favorire il riassorbimento dei dipendenti da parte di un´eventuale nuova società di gestione dell´esercizio commerciale – continua Guglielmi – ma non è in grado di fornire alcuna assicurazione su tempi e modi». E per 72 famiglie rimane il dramma della disoccupazione.