ROMA: VIGILANZA PRIVATA, 120 ESUBERI ALL’AXITEA

05/06/2013

5 giugno 2013

Roma: Vigilanza Privata, 120 esuberi all’Axitea

Continua la protesta dei lavoratori dipendenti di Axitea Spa, Società che fornisce servizi di vigilanza privata e che ha aperto una procedura di licenziamento collettivo per 120 di loro nella provincia di Roma .
Dopo la presa di posizione del viceprefetto di Roma, che ha espresso forte preoccupazione circa l’impatto sociale che i licenziamenti determineranno sul territorio di Roma e Provincia, le Federazioni Confederali di categoria congiuntamente richiedono l’intervento urgente da parte della Regione Lazio.
“Un intervento” spiegano Barbara di Tomassi della Filcams-Cgil, Mauro Brinati della Fisascat-Cisl e Sergio Ariodante della Uiltucs di Roma e del Lazio “ che la Regione si era impegnata ad attivare nel verbale di mancato accordo sottoscritto con le parti sociali la stessa Axitea.
Società, che però sta rischiando di far scadere i 75 giorni previsti dalla procedura, termine fissato alla fine di questa settimana, non vorremmo, che l’intento sia proprio quello di non confrontarsi per attivare unilateralmente i licenziamenti.”
Filcams, Fisascat e Uiltucs, confidano in una convocazione immediata di un tavolo di concertazione da parte dell’Assessore al Lavoro Regionale, che dal suo insediamento ha da subito mostrato attenzione e sensibilità rispetto alle vertenze complicate come quella dell’Axitea.
“Siamo sicuri” continuano i funzionari Di Tomassi, Brinati e Ariodante della Filcams, Fisascat e Uiltucs “che dal confronto possano emergere misure alternative ai licenziamenti, che garantiscano la continuità occupazionale e di reddito dei lavoratori coinvolti, viceversa se la Società dovesse perdurare con la sua rigida posizione, le organizzazioni sindacali saranno vicine ai lavoratori per organizzare tutte le iniziative di protesta necessarie ad evitare i licenziamenti”.