Rizzoli Ortopedia, Comunicato sindacale 12/07/2013

Comunicato Sindacale

Rizzoli ortopedia un paradosso italiano.

I lavoratori e le RSA della Rizzoli Ortopedia S.p.A., a seguito delle assemblee che si sono svolte nei giorni scorsi, unitamente alla Filcams CGIL nazionale e territoriale esprimono grande preoccupazione per il futuro dell’azienda e il mantenimento dei livelli occupazionali.

Nel corso delle assemblee si e’ manifestata la grande amarezza dei lavoratori e delle lavoratrici. Si fa fatica infatti, a comprendere come una azienda che, a detta di tutti, ha capacita’ produttive, competenze e professionalita’ all’altezza del compito, si trovi in una tale situazione e con il rischio della cessazione dell’attività.

La Filcams CGIL, unitamente a tutti gli addetti della Rizzoli Ortopedia fa’ appello a tutte le Istituzioni Locali e Nazionali affinche’ vengano percorse tutte le strade possibili per tutelare i posti di lavoro.

Il giorno 23 luglio 2013 si terra’ una riunione del tavolo di crisi attivato presso la provincia di Bologna.

Occorre operare per salvaguardare la realta’ produttiva che da 100 anni e’ rappresentata delle Officine Rizzoli Ortopedia.

In tal senso, i lavoratori e la Filcams CGIL si batteranno con tutti i mezzi a loro disposizione per difendere i posti di lavoro e un patrimonio tecnico, professionale e umano del Paese che ancora oggi è rappresentato dalle Officine Rizzoli Ortopedia.

Filcams CGIL Nazionale.
Roma , 12 Luglio 2013.