Ristorazione: Sbarro punta sui distributori di benzina

20/12/2000

loghino.gif (3272 byte)





Mercoledì 20 Dicembre 2000
italia – economia
La catena di specialità italiane ha avviato contatti con Agip petroli Ristorazione, l’americana Sbarro punta sui distributori di benzina

MILANO. La liberalizzazione della rete di vendita dei carburanti ha suscitato l’interesse di imprese desiderose di entrare sul mercato italiano d’intesa con un operatore leader. È così il gruppo americano Sbarro, tra le realtà leader degli Stati Uniti nella ristorazione all’italiana, con la pizza come piatto forte (il gruppo ha il quartier generale nello Stato di New York ed è stato fondato da emigranti italiani) ha avviato dei contatti con l’Agip petroli (gruppo Eni) per verificare la possibilità di svilupparsi sul mercato italiano in sinergia con il business della vendita di benzina.

Con la sua rete di vendita (tra punti in gestione diretta e negozi in franchising), Sbarro copre a tappeto le principali aree degli States e di numerosi Paesi esteri: nel complesso la rete conta oltre mille punti vendita di pizza e specialità alimentari italiane pronte da consumare in 27 Paesi al mondo, dalla Nuova Zelanda al Giappone, dalla Malesia a Hong Kong, dalla Cina al Libano, dal Belgio alla Gran Bretagna e alla Russia. Insomma, dalla salumeria nel cuore di Brooklyn la famiglia Sbarro ha costruito una rete di dimensioni mondiali che fa appunto leva sul made in Italy a tavola e che è poi approdata alla Borsa di New York reperendo le risorse per accelerare lo sviluppo a livello internazionale.

E ora si prepara a un ideale ritorno a casa. Quale migliore occasione — del resto — di quella offerta dalla liberalizzazione dei servizi su strada, vista l’esperienza acquisita negli Stati Uniti e su tanti altri mercati nella ristorazione veloce e nella presenza su luoghi di traffico. La rete Sbarro è infatti presente in prevalenza nei principali centri commerciali asiatici, americani ed europei. Diffusi anche i punti vendita sviluppati all’interno degli aeroporti e delle aree di traffico automobilistico.

V.Ch.