Rinnovo Contratto Turismo, fumata nera

17/06/2015

Si è tenuta il 15 giugno scorso la “no stop” per il rinnovo del Contratto Collettivo nazionale dell’Industria Turistica con le parti datoriali Aica, Federturismo, (Contratto Turismo). I lavori si sono protratti fino alle prime ore della mattinata successiva senza produrre però uno sblocco di questo difficile negoziato aperto ormai da 32 mesi, (il contratto è scaduto il 30 aprile 2013).

Sono circa 25mila i lavoratori interessati, e importanti aziende quali Starwood, Nh Hotel, Aplitour, Ata Hotel, Una Hotel e Carlson Wagon Lit.

“Purtroppo permangono forti distanze su tutta la partita salariale e sul mercato del lavoro” afferma Cristian Sesena segretario nazionale Filcams Cgil Nazionale. “Auspichiamo che i giorni che ci separano dal prossimo incontro previsto per il 3 luglio, siano utili alla controparte per ipotizzare ulteriori soluzioni che ci traghettino ad un esito soddisfacente di questa vertenza” 

“Il turismo, ha bisogno di puntare su relazioni sindacali moderne e efficienti” prosegue il segretario. “Il rinnovo del contratto turismo, atteso da ormai quasi tre anni dai lavoratori, potrebbe, tra le altre cose, rappresentare un concreto messaggio a Governo e istituzioni: il settore, finora solo a parole strategico per l’economia del paese, necessita di politiche serie di investimento e della valorizzazione del ruolo delle parti sociali. Quale miglior punto di partenza che il rinnovo di questo importante contratto nazionale”.