Rinnovato il contratto integrativo aziendale Starwood: è il primo dell’era Marriott

20/07/2018
westin_big

Il 19 luglio Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs hanno sottoscritto l’ipotesi di accordo per gli alberghi ex Starwood ora di proprietà del colosso americano Marriott International che ha acquisito nel settembre del 2016 il prestigioso marchio.

Per i più di 3000 addetti degli alberghi The Westin Palace e Sheraton Majestic di Milano, Danieli, Gritti Palace, The Westin Europa Regina di Venezia, The Westin Excelsior e The St Regis di Firenze, The St Regis Rome e The Westin Excelsior di Roma, sono stati mantenuti diritti e tutele normative e salariali derivanti da anni di contrattazione acquisitiva e soprattutto è stato scongiurato fino al 30 dicembre 2021 il rischio di terziarizzazioni.

La direzione aziendale si è poi impegnata ad affrontare, a partire da gennaio 2019, nuovi importanti temi che potranno arricchire i contenuti del contratto aziendale, tra cui: il potenziamento del welfare aziendale, la definizione di un codice per prevenire le molestie sui luoghi di lavoro e la individuazione di un percorso per estendere l’applicazione del Contratto Integrativo Aziendale anche all’hotel Gallia di Milano.

“Siamo molto soddisfatti perché abbiamo portato la nuova proprietà a riconoscere ruolo, valore e utilità del nostro consolidato sistema di relazioni sindacali. Il contratto integrativo Ciga Starwood, che ora diventa Marriott, è da sempre stato uno dei più importanti del settore Turismo. Averlo salvaguardato in toto ed aver aperto una strada per andarlo ancora a migliorare è un risultato non scontato e per questo ancora più apprezzabile” ha dichiarato Cristian Sesena della Filcams Nazionale