RINASCENTE UPIM: NOTA DELLE SEGRETERIE NAZIONALI FILCAMS FISASCAT UILTUCS

19/09/2005

FILCAMS-Cgil FISASCAT-Cisl UILTUCS-Uil
Federazioni lavoratori commercio turismo servizi

19 settembre 2005

RINASCENTE UPIM: «LA NUOVA PROPRIETA’ CAMBIA LO STILE DELLE RELAZIONI SINDACALI NELL’EX PRIMO GRANDE GRUPPO ITALIANO»
Nota delle segreterie nazionali Filcams Fisascat Uiltucs

«Se il buon giorno si vede dal mattino, la scelta da parte della nuova società (Tamerice) che ha acquisito l’area tessile del Gruppo Rinascente, di dare disdetta al contratto integrativo aziendale, ci fa pensare che il mattino in questione abbia tinte fosche.

«La nuova proprietà aveva preannunciato questa intenzione nel corso dell’ultimo incontro, le segreterie nazionali avevano cercato di dissuaderla, poiché ciò avrebbe significato un fatto politico molto grave. Una simile decisione, avrebbe significato l’intenzione di voler cancellare diritti collettivi e individuali, conquistati in anni e anni di contrattazione integrativa.

«L’azienda aveva inoltre preannunciato che nel mese di ottobre ci avrebbe presentato (su nostra sollecitazione) il piano di riorganizzazione e di rilancio che potrebbe comportare degli esuberi. In quella sede avevamo dichiarato la nostra disponibilità a discutere, precisando che gli avremmo inviato, nei tempi utili, le richieste per il rinnovo del contratto integrativo.

«Nonostante ciò hanno voluto “forzare” e questo sta ad indicare che le corrette relazioni sindacali che avevamo con il Gruppo Rinascente (che peraltro la nuova società aveva detto di voler mantenere), sono invece, per loro scelta, superate.

«Questo “stile” di relazioni sindacali non ci piace.

«Siamo dispiaciuti che la nuova proprietà abbia scelto questa strada, avremmo preferito il confronto, discussioni di merito, ma se quello che vogliono sono le prove di forza, le avranno.

«Per queste ragioni le segreterie nazionali di Filcams, Fisascat e Uiltucs, hanno proclamato per sabato 1° ottobre uno sciopero nazionale per l’intera giornata in tutte le filiali di Rinascente e Upim».