Rinascente, Lafayette con Apax

01/02/2005

    martedì 1 febbraio 2005

    sezione: FINANZA E MERCATI- pagina 31

    SUSSURRI & GRIDA
    Rinascente, Lafayette con Apax
    La cordata tra la francese Galeries Lafayette (assistita dagli advisor Bnp Paribas e Ubs) e l’olandese Redevco (assistita da Cofinance & Co) si allea con il fondo Usa Apax Partners nella corsa verso Rinascente-Upim.

    L’intesa sarebbe, secondo indiscrezioni, stata stretta la scorsa settimana e vedrebbe così l’ingresso in campo dell’operatore finanziario statunitense: un accordo a sorpresa, visto che a fine dicembre Galaries Lafayette aveva intavolato discussioni con le Coop, interessate al solo asset Upim. Il sistema delle cooperative si è tuttavia successivamente defilato dalla corsa verso
    i grandi magazzini.

    È ipotizzabile che lo stesso ingresso del fondo Apax sia dovuto all’interesse per un singolo asset, cioè la catena Upim: attività al momento poco redditizie, ma che con un opportuno processo di ristrutturazione potrebbero creare
    notevole valore. Galeries Lafayette mirerebbe invece ai magazzini Rinascente di Milano e Roma. È il caso di ricordare che il fondo Apax sta partecipando anche all’asta per l’acquisizione di Coin. Secondo alcuni osservatori,
    un’integrazione fra Upim e Coin potrebbe avere diverse sinergie industriali: in quest’ottica potrebbe essere interpretato l’ingresso in campo di Apax. Non è un caso che la stessa Pai, l’altro fondo di private equity in corsa per Coin,
    sia anche presente nella short list per Rinascente.

    Infatti l’advisor Lazard, scelto da Ifil per la cessione dei grandi magazzini, ha selezionato sei offerte non vincolanti: oltre al raggruppamento Galeries Lafayette-Redevco a cui si è dunque aggiunto Apax, quello costituito da Dubai
    Investments, Villa Moda e Aedes, la cordata Pirelli Re-Deutsche Bank-Investitori Associati-Borletti, l’alleanza tra Beni Stabili e Bc Partners e quella tra Cvc e Morgan Stanley. Infine ancora da solo il fondo Pai.

    La scadenza per le offerte vincolanti è stata fissata dall’advisor Lazard al 12 marzo. Secondo fonti finanziarie, le offerte per Rinascente-Upim si aggirerebbero finora tra gli 830 milioni e i 950 milioni di euro.

    (C.Fe.)