Rimini. Sindacati e direzione sperano nel rilancio

19/12/2007
    mercoledì 19 dicembre 2007

    Pagina XXIII – Rimini primo piano

      LE REAZIONI NELL’ALBERGO

        Sindacati e direzione sperano nel rilancio

        METTERE mano al giardino, all’ingresso e alla spiaggia. Queste le prime urgentissime cose da chiedere alla nuova proprietà capitanata da Antonio Batani, per rilanciare da subito il Grand Hotel di Rimini. Questo almeno secondo il parere del suo direttore generale, Gabriele Galieni.

        Per le camere si può aspettare in un secondo momento, riflette sempre il direttore che si dichiara soddisfatto «dell’arrivo del signor Batani che ha una grandissima esperienza nel settore degli hotel». E afferma che la nuova proprietà ha ribadito la stima per l’attuale squadra del Grand Hotel.

        Questo fa presagire che il rilancio della prestigiosa struttura (a partire dai festeggementi per il suo centenario che cadrà il prossimo anno) non avrà ripercussioni negative sull’occupazione che conta settanta dipendenti fissi e una trentina stagionali.

        Positiva la reazione al nuovo titolare anche da parte dei sindacati che vogliono, comunque, capire bene il piano di acquisizione e quello di rilancio, come dichiara Mauro Rossi, segretario generale Filcams-Cgil.
        «Non crediamo proprio che ci saranno problemi — sottolinea — però abbiamo già chiesto un incontro con la nuova proprietà».

        m.ras.