Rimini. Fiabilandia: lo spettacolo continua

21/09/2006

    gioved� 21 settembre 2006

    Edizione di: RIMINI

      Fiabilandia: lo spettacolo continua

        RIMINI – Dopo pochi giorni di chiusura, Fiabilandia ha gi� riaperto. Una decisione presa ieri pomeriggio dopo l’ultimatum lanciato da Palazzo Garampi: “Il confronto sar� ripreso a condizione che venga riaperto il parco e siano tutelati i diritti dei dipendenti”.

        Passo indietro.
        Il prolungamento di via Roma divider� il parcheggio di Fiabilandia dall’ingresso. C’� stato un braccio di ferro e il Tar ha dato ragione al Comune che pu� quindi espropriare l’area (si comincia il 2 ottobre).
        Luned� Fiabilandia ha dichiarato di chiudere il parco per sempre, dopo 40 anni, lasciando a spasso un centinaio di persone. Il Comune ha criticato la decisione e ribadito che il cantiere non andr� a interferire con l’attivit� di Fiabilandia.Ieri mattina il vice sindaco Maurizio Melucci e l’assessore alla mobilit� Paola Taddei hanno incontrato i lavoratori del parco di Miramare. E alla fine hanno lanciato l’ultimatum.Dopo poche ore la propriet� di Fiabilandia ha comunicato la revoca della chiusura. “Al fine del normale svolgimento dell’attivit�, la propriet� chiede, per�, garanzie ufficiali affinch� l’amministrazione non pregiudichi in alcun modo lo svolgersi dell’attivit� ordinaria, anche alla luce della comunicazione, notificata oggi, che dispone per il 2 ottobre l’occupazione temporanea delle aree non soggette a procedimento espropriativo. Tali garanzie dovranno comprendere non solo il periodo che arriva fino al 1� novembre, data di chiusura del parco per il 2006, ma anche le stagioni future. Pertanto si chiede di comunicare la pianificazione esatta dei lavori che interessano l’area di pertinenza del parco in modo che si possano organizzare anche i lavori interni al parco per il nuovo collocamento di attrazioni, viabilit� interna… Infatti � intenzione della propriet� investire in riqualificazione e miglioramento delle strutture e intervenire economicamente per la copertura delle spese necessarie al riposizionamento della struttura sopraelevata che dovrebbe diventare il nuovo ingresso del parco”

        Ario Fabbri (Filcams Cgil) ha commentato la revoca della chiusura e sintetizzato l’esito del vertice in Comune. “Da parte sindacale sono state poste tre questioni fondamentali. La prima per deplorare il comportamento dell’azienda che, senza alcun preavviso e senza il minimo rispetto per le pi� elementari relazioni sindacali, prima ancora di aver avviato una procedura formale, ha deciso di chiudere tutto e licenziare i circa 100 lavoratori che vi operano. La seconda diretta in modo pi� specifico all’amministrazione comunale perch� sia mantenuta l’attuale agibilit� del parco anche per tutto il 2007. Terza la disponibilit� da parte istituzionale ad aprire, da subito, un tavolo trilaterale al quale dovranno partecipare amministrazione, azienda e organizzazioni sindacali per un confronto sulla fattibilit� di progetti che riguardano il mantenimento occupazionale e l’organizzazione del parco. Nel pomeriggio sono intercorsi altri colloqui tra sindacato e direzione aziendale di Fiabilandia dai quali � scaturita la revoca della chiusura. Ora attendiamo che si formalizzi il percorso da noi richiesto”.