Rieti. I precari in assemblea in Provincia chiedono il rispetto degli accordi

29/11/2002


Venerdì 29 Novembre 2002

I sindacati: «I Ministeri coinvolti garantiranno la copertura finanziaria»
I precari in assemblea in Provincia chiedono il rispetto degli accordi

Sono salvi i posti dei lavoratori Lsu impiegati nei servizi di pulizia nelle scuole. Ad annunciarlo, seppur con l’invito a non abbassare la guardia, sono i rappresentanti sindacali di Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uilt-Uil in seguito allo sciopero e alla manifestazione che si è svolta sotto il Ministero del Tesoro e sotto quello della Pubblica Istruzione, organizzata dai lavoratori delle imprese operanti nell’appalto della pulizia delle scuole.
Il ministero,della Pubblica Istruzione, d’accordo con quello del Lavoro, si è impegnato a reperire i fondi per rifinanziare i decreti con i quali lo scorso anno erano stati stabilizzati i 16000 lavoratori ex Lsu operanti nelle scuole fino al 2006. L’incontro con cui verrà formalizzato l’impegno il 10 dicembre presso la Presidenza del Consiglio.
«In questo modo – affermano i rappresentanti dei tre sindacati – viene recuperato, attraverso l’impegno e la lotta dei lavoratori e di Cgil, Cisl e Uil, il mancato inserimento della copertura economica nella Finanziaria 2003 che aveva causato l’apertura della procedura di mobilità che avrebbe comportato il licenziamento di 1600 lavoratori in tutta Italia e dei 269 dipendenti della ditta Mondial Pulimento a Rieti».
Nel frattempo sul fronte degli lsu deve registrarsi un’affollata assemblea che si è svolta in Provincia e alla quale hanno partecipato consiglieri provinciali rappresentanti del Polo della Libertà e sindacalisti. Nel corso dell’incontro sono stati discussi i motivi del malumore espresso dai lavoratori precari verso la mancata adozione di un regolamento di mobilità interno, sul mancato rispetto di accordi economici, sulla mancata liquidazione delle spettanze per la pronta reperibilità dall’aprile 2002 e altri punti sui quali il confronto con l’ente, affermano i consiglieri del Polo, non ha ancora trovato riscontro.