“RiConta” A sinistra torna la paura dell’autogol

07/12/2006
    gioved� 7 dicembre 2006

      Pagina 2/3 – Primo Piano

      DIETRO LE QUINTE

        A sinistra torna la paura dell’autogol:
        le accuse di Deaglio e Silvio? Due bufale

          Aldo Cazzullo

            �I brogli!�. �Enrico, lascia perdere… �. �La destra voleva uccidere la democrazia!�. �Enrico, � possibile, per� adesso � meglio far finta di niente…�. �Berlusconi ha truccato le elezioni!�. �E’ probabile, Enrico, per� le elezioni le abbiamo vinte noi e adesso non ci conviene ridiscutere tutto…�.

            Non si pu� dire che la sinistra non avesse tentato di sedare sul nascere le curiosit� di Enrico Deaglio. Adesso ha buon gioco il senatore di An Fragal� a ridacchiare: �� un clamoroso autogol di Deaglio e della maggioranza! Comunardo Niccolai non avrebbe fatto meglio!�. E se fosse stato tutto finto? I centouno ministri e sottosegretari, le notti al Senato passate a distinguere tra Marini Francesco e Marini sen. Franco, Bertinotti che dedica la sua elezione agli operai, Napolitano primo ex comunista sul Colle, le tasse di Visco e TPS, le liberalizzazioni di Bersani, i detenuti liberati dall’indulto? Certo non finir� cos�. Lo prevede lo stesso Pisanu: �Sar� fugato ogni dubbio su queste strane congetture�. E ha buon gioco anche �Comunardo� Deaglio a rivendicare: �Se io sono indagato per aver diffuso notizie false e tendenziose, allora i magistrati devono indagare anche sulla giunta per le elezioni�.

            A sinistra per� la paura dell’autogol comincia a serpeggiare. Le reazioni ufficiali sono sorridenti: il riconteggio sar� uno strumento di pacificazione, nessuno potr� pi� strumentalizzare, Berlusconi non delegittimer� pi� il governo. Ma dalla Campania, dove l’Unione ha vinto all’ultima scheda, potrebbe pur sempre venire qualche sorpresa. Anche la Camera, dove la partita si � decisa per 25 mila voti, � tentata dal verificare bianche e nulle. Quanto a Berlusconi, ieri sera gi� chiedeva di ricontare tutto.

            Antonio Polito, senatore della Margherita, l’aveva detto. �Sono sempre pi� convinto che si confrontino due bufale, quella di Deaglio e quella di Berlusconi — aggiunge ora —. Se davvero fosse un autogol, non sarebbe il primo. Non sarebbe la prima volta che la sinistra un tempo rivoluzionaria e ora girotondina infila la palla nella nostra porta. Ma secondo me questa partita finisce zero a zero. E’ un tic da flagellanti, pensare che in Italia si voti come in un Paese africano, quasi fossimo tutti baluba. Ha ragione Luca Ricolfi: piccoli brogli sono possibili, non operazioni gigantesche in grado di falsare le elezioni�.

            Il suo ex editore Velardi sostiene per� che i brogli il Pci li faceva, che lui stesso nei seggi taroccava le schede con i mozziconi di matita… �Anch’io ho fatto lo scrutatore, ma senza mozziconi. Al massimo portavo a votare a braccia i militanti malati, ma in questo eravamo surclassati dalle suore della Dc. E poi vogliamo credere che i democristiani di Napoli fossero tutti fessi? Che gavianei e demitiani si facessero fregare da Velardi? Non a caso vincevano sempre loro�.

            Il riconteggio dir� chi � ora il pi� lesto di mano in Campania. Certo l’elenco di chi aveva paventato l’autogol � lungo. Il diessino Passigli: �Per smontare la tesi di Deaglio basta fare un’addizione da quinta elementare. Cos� Enrico alza la palla a Berlusconi. E’ puro autolesionismo�. Lusetti della Margherita: �Se mai dovessimo tornare a votare, andremmo sotto�. Il sottosegretario Paolo Cento detto Er Piotta: �Eviterei di cominciare pure a sinistra a delegittimare il risultato delle elezioni�. Russo Spena di Rifondazione, preoccupatissimo: �Attenzione, gi� sento la Lega dire che non possiamo mettere le tasse…�. E l’on. Donata Lenzi dell’Ulivo: �Sono andata alla presentazione del dvd di Deaglio con i libroni dei dati ufficiali, ma lui non li ha neppure presi�.

            Deaglio nega. �Gi� il fatto che i risultati siano tenuti segreti per mesi, manco fossimo in Zimbabwe, � strano. Comunque, non solo ho visto i libroni, ma ho scoperto un’altra anomalia che denunceremo sul prossimo numero di Diario: i votanti sono 150 mila in meno di quanti annunciati dal Viminale l’11 aprile�. D’accordo, ma lei non ha paura dell’autogol? �It’s not my problem, non � il mio problema. Io non sono un militante politico, un uomo di partito. E proverei ribrezzo a far parte di una conventicola che avesse vinto le elezioni con i brogli. E’ un discorso assolutamente ipotetico; sono convinto che i brogli stiano a destra. Vedrete che il riconteggio lo confermer�; anzi, le cose si riveleranno ancora pi� grosse�. Guardi Deaglio che Pisanu querela. Lei ha le prove? �In questi anni si � fatto politica in ogni modo, con i servizi, con lo spionaggio: mi pare davvero impossibile che non ci abbiano provato anche con i brogli. L’elenco delle sezioni e dei Comuni senza una sola scheda bianca � sterminato�. Le prove? �Difficilmente si troveranno. La pistola fumante non c’�. L’hanno nascosta. Molte prove sono state cancellate, ma a cercare bene qualcuna si potrebbe ancora trovare. Il problema � che chiuderanno la questione con un accordo politico�.