Ricapitalizzazione in vista per Coin

01/04/2003



          Martedí 01 Aprile 2003
          FINANZA E MERCATI


          Ricapitalizzazione in vista per Coin

          Conti 2002 in rosso: nuovi manager al lavoro

          MARILENA PIRRELLI


          MILANO – Giro di boa per il gruppo Coin che a fronte di un aumento delle perdite nei conti 2002 e un crollo delle vendite in Germania, rinnova il management e ipotizza un aumento di capitale fino a 100 milioni di euro entro il 2005. I brutti risultati del gruppo retail italiano ieri hanno trascinato in profondo rosso il titolo a Piazza Affari che, dopo una sospensione al ribasso, ha archiviato la seduta con una perdita del 17,31% a 2,58 euro. Elevati i volumi con scambi di oltre quattro volte la media giornaliera dell’ultimo mese e il passaggio di mano l’1,3% del capitale. Quanto ai conti, il 2002 si è chiuso per Coin con una perdita netta a 52,2 milioni sensibilmente superiore a quella già registrata l’esercizio scorso (10,6 milioni). Ad appesantire il bilancio è stato il calo dei ricavi penalizzati soprattutto in Germania che ha visto una contrazione dei consumi del 6,5% nel settore abbigliamento. I ricavi netti del gruppo sono scesi del 6,6% da 1.601,5 milioni del 2001 a 1.495,9 milioni, il Mol è calato (-61,6%) da 101,3 milioni del 2001 a 38,8 milioni e il risultato operativo risulta negativo per 30,7 milioni (contro un risultato positivo di 31,9 del 2001). La posizione finanziaria netta consolidata è migliorata a 107 milioni. La capogruppo ha realizzato ricavi per 1.270 milioni registrando una perdita di 44,7 milioni. Sebbene le insegne del gruppo abbiano aumentato del 4,1% le vendite nette, il mercato tedesco ha registrato ricavi netti in calo a 266,9 milioni dai 411,2 milioni del 2001. Il risultato delle insegne tedesche è passato a una perdita di 120,1 milioni (dal rosso di 80,3 del 2001). La società, in seguito ai recenti accordi intercorsi tra le famiglie Coin e dopo un cambio generazionale, ha avviato il rinnovamento della struttura manageriale. Il consiglio di amministrazione ha nominato Fernanda Pelati nuovo amministratore delegato al posto di Vittorio Coin. Il manager ha una lunga esperienza internazionale in Ikea. Il cda ha inoltre chiamato dal gruppo Ferrero il nuovo direttore finanziario, Alessandro Lorenzi, e ha individuato i nuovi responsabili per l’attività in Germania. Nella prossima assemblea il consiglio rimetterà il mandato, verrà nominato un nuovo presidente con diritto di doppio voto, e verrà chiesta delega per un aumento di capitale, non superiore ai 100 milioni di euro, da esercitare entro il maggio 2005. Insomma, il gruppo intende utilizzare tutte le leve operative per limitare gli effetti negativi della difficile situazione congiunturale, aggravata ora dalla guerra. Entro maggio presenterà un piano di rivisitazione strategica delle attività in Italia e in Germania. Il piano di ristrutturazione realizzato dal nuovo management, affiancato dalla Studio Vitale & Associati, dovrebbe portare nell’arco di due-tre anni al riequilibrio finanziario di Oviesse GmbH. Primo obiettivo consolidare la posizione raggiunta attraverso una maggiore efficienza operativa e un miglioramento della redditività e della capacità di generare cassa. Non si escludono dismissioni di asset minori non strategici. Seconda operazione, "divisionalizzare" Coin Italia.