Rexel – Esito incontro 26/03/2012

Roma, 2 aprile 2012

Testo Unitario

Si è svolto il 26 marzo scorso, presso l’Unione del Commercio, il previsto incontro con l’azienda Rexel sul tema della chiusura della sede di Agrate MB e il relativo trasferimento delle attività per 2/3 nella sede di Seriate (Bergamo) e 1/3 nella sede di Brescia.

L’azienda ha ribadito il progetto complessivo già presentato negli scorsi incontri.

A seguito dell’incontro in sede di Agrate tenutosi nella scorsa settimana tra le RSA e la Fisascat di Monza Brianza, l’azienda ha accolto la richiesta di alzare l’una tantum, da lei precedentemente proposta, di ulteriori 500€ a fronte dell’accettazione individuale dei trasferimenti.

Le OO.SS;, nonostante il rinnovato rifiuto da parte aziendale, hanno ribadito l’importanza di poter offrire ai lavoratori, in alternativa all’una tantum, una sorta di rimborso spese mensile che seppur modesto potesse essere elargito per il resto dei rapporti di lavoro.

A tale proposito l’azienda ha confermato la propria perplessità, ma si è detta disponibile ad approfondire tale possibilità.

Sono state invece confermate le leve organizzative come il part-time verticale e la flessibilità d’orario in entrata e in uscita discusse negli incontri precedenti. Al fine di monitorare l’applicazione concreta di tali strumenti, si è concordato per il 4 aprile un ulteriore incontro territoriale per la sede di Agrate.

Nel successivo incontro, sempre a carattere territoriali, programmato per il 19 aprile 2012 alle ore 14.30 presso l’Unione del Commercio di Milano, REXEL si è impegnata a fornire una risposta alla richiesta sindacale di alzare in modo cospicuo la cifra, finora offerta come incentivo, per chi non trova negli ammortizzatori organizzativi ed economici concordati, la giusta leva per poter affrontare il trasferimento a Bergamo o a Brescia.

Ciò dovrebbe completare il quadro di un possibile accordo territoriale utile ad affrontare questa ulteriore riorganizzazione di Rexel e attutire le pesanti ripercussioni sulle lavoratrici e sui lavoratori coinvolti.

L’azienda ha inoltre riconfermato la propria disponibilità ad effettuare incontri territoriali con le sedi di Brescia e Bergamo sull’organizzazione del lavoro che si potrebbe modificare a seguito dei trasferimenti dei dipendenti di Agrate.

Al termine dei confronti territoriali si terrà un incontro nazionale utile alla verifica generale della riorganizzazione e all’aggiornamento sull’andamento economico della Rexel Italia.

p. la Filcams Cgil Nazionale

Daria Banchieri