Rewe-Billa, i lavoratori in agitazione

17/03/2015

Proclamato lo stato di agitazione delle lavoratrici e dei lavoratori Rewe-Billa, dopo l’ultimo incontro dell’11 marzo scorso tra sindacati e azienda.

Nell’ambito della fase sindacale relativa alla procedura di mobilità, l’incontro aveva lo scopo di fare il punto della situazione sugli esuberi delle sedi di Rozzano (MI) e Carmignano di Brenta (PD), conseguenti alla cessazione delle attività; e verificare eventuali possibilità di ricollocazione del personale all’interno di Rewe Group, o all’esterno per il tramite di partner.

Risposta negativa da parte dell’azienda che ha evidenziato la variazione del numero degli esuberi – un centinaio tenendo conto di alcune dimissioni volontarie e prepensionamenti – ma ha dichiarato che: “tale eventualità non è prevista in quanto le aziende facenti parte del Group ricercano personale con caratteristiche diverse da quello in esubero. Solamente alcuni rari casi potranno essere presi in considerazione in virtù di caratteristiche ed esigenze aziendali particolari, che saranno collocati anche nell’azienda Penny Market.”

Le organizzazioni sindacali e la delegazione della rappresentanza sindacale presente, hanno quindi deciso di dichiarare lo stato di agitazione delle lavoratrici e dei lavoratori Rewe-Billa, predisponendo azioni di pressione da parte dei territori interessati al fine di poter riaprire la trattativa, e a livello nazionale, organizzare a breve, una conferenza stampa per denunciare la pesante e delicata situazione.