Reti in franchising, pronti 160 milioni €

12/09/2003


      Venerdì 12 Settembre 2003

      Reti in franchising, pronti 160 milioni

      MILANO - Ripartono i finanziamenti alla realizzazione di reti di negozi in franchising nelle aree svantaggiate sotto l’egida di Sviluppo Italia.
      Il pacchetto di fondi è consistente. Si tratta di circa 160 milioni di euro nei prossimi tre anni per agevolare la modernizzazione della rete commerciale attraverso lo sviluppo
      di reti di vendita coordinate e in affiliazione.
      Il progetto era stato messo in cantiere un paio di anni fa. Per molti mesi il progetto franchising è rimasto in stand by in attesa che si chiarisse la situazione dell’intero pacchetto di aiuti all’autoimpiego, recentemente sbloccato dal Cipe (si veda «Il Sole-24 Ore» del 10 settembre).
      Nel frattempo gran parte delle numerose domande di contributi per lo sviluppo
      di reti in franchising erano state di fatto congelate e successivamente le imprese in pista hanno riformulato i programmi. La delibera del Cipe del 25 luglio ha poi riconosciuto la priorità per le domande di contributi che riguardano il franchising, tra quelle pervenute a Sviluppo Italia nell’ambito delle misure per l’autoimpiego, determinando anche una riserva di fondi al 20% degli 800 milioni complessivi.
      Sviluppo Italia al riguardo ha completamente rivisto i criteri di accreditamento e di valutazione delle domande.
      Il contributo massimo è pari al "de minimis" (100mila euro) da destinare in conto
      investimenti. Ammissibili gli interventi per macchinari, beni immateriali e immobili
      (10% del valore degli investimenti). I territori ammessi a godere delle agevolazioni
      sono pari al 74% del totale dei comuni italiani: 100% al Sud, 98% al centro e 33% al Nord (un comune su tre).
      L’iter di valutazione dei progetti è stato fissato in 30 giorni. Sviluppo Italia fa sapere
      che sono 22 le catene in franchising accreditate. In stock ci sono poi 150 domande di
      accreditamento. Le previsioni sono di 670 catene franchising operanti sul mercato.
      Entro il 2005 dovrebbero essere accreditate 200-230 imprese.
      Per quanto riguarda i soci dell’associazione Confimprese, sono già in campo 26
      gruppi commerciali che hanno in cantiere oltre 3mila nuovi negozi che dovrebbero
      dare lavoro a oltre 15mila nuovi addetti. Si tratta comunque dei piani di massima
      per l’intero Paese e solo in parte riguardano il Mezzogiorno.
      Il business dell’affiliazione commerciale è in crescita. Negli ultimi cinque anni
      — stima Sviluppo Italia — c’è stato un aumento delle reti del 25,2 per cento.
      Gli affiliati sono circa 36mila e si stima una occupazione pari a 96mila persone.
      Il giro d’affari del 2002 è risultato pari a circa 14 miliardi di euro.

      VINCENZO CHIERCHIA

      Franchising
      2001
      2002
      Fatturato
      (mln )
      13.849
      14.666
      Addetti
      99.018
      106.533
      Affiliati
      36.547
      39.315
      Reti
      606
      628
      Fonte: Assofranchising