Regioni: Veneto;Consiglio,Incontro Lavoratori Pulizia Scuole

06/12/2010

(ANSA) – VENEZIA, 2 DIC – In occasione della giornata di mobilitazione nazionale, una delegazione dei lavoratori (donne per il 90%) delle ditte che hanno in appalto la pulizia delle scuole del Veneto si e’ incontrata a palazzo Ferro-Fini con il vicepresidente della commissione Attivita’ produttive Roberto Fasoli.
Obiettivo dell’incontro sollecitare un intervento regionale alla luce dei tagli (25% con probabili ulteriori riduzioni) di queste prestazioni e manifestare il timore delle lavoratrici circa l’eventualita’ che vengano meno gli appalti storicamente consolidati a livello nazionale e poi su scala regionale per essere sostituiti con una frammentazione di incarichi a piccole ditte locali nel caso che si affidasse ai singoli istituti scolastici il compito di provvedere autonomamente alle attivita’ ausiliarie.
”E’ anzitutto necessario – ha affermato Roberto Fasoli alla conclusione dell’incontro – fotografare la reale situazione quantitativa e qualitativa del ricorso agli appalti esterni su tutto il territorio regionale. In secondo luogo credo si debba convocare una seduta congiunta delle commissioni consiliari ”lavoro” e ”istruzione” assieme all’assessore Elena Donazzan e alla direttrice dell’ufficio scolastico regionale Carmela Palumbo per fare il punto della situazione su due problemi: l’entita’ dei finanziamenti regionali 2011 per le attivita’ di pulizia delle scuole e il tipo di appalti esterni che si renderanno eventualmente necessari e la definizione delle mansioni del personale scolastico ATA (amministrativo, tecnico, ausiliario) sempre in relazione a queste attivita’ di manutenzione degli edifici scolastici e a quelle di guardiani e sorveglianza degli alunni: queste ultime in alcuni casi garantite anche dal personale delle ditte appaltate.