Rapporto scaduto Comune-Sis, ausiliari del traffico in agitazione

21/10/2013

MOLA. Ausiliari del traffico in agitazione. La scadenza del rapporto tra la società «Sis» di Perugia, che gestiva i parcometri cittadini, e il Comune di Mola, rischia di lasciare senza un lavoro gli ausiliari, assunti dalla ditta privata con un contratto part-time da 700 euro al mese, che nei giorni scorsi hanno ricevuto dai propri datori di lavoro la proposta di trasferirsi in una città siciliana. Una proposta che i dipendenti molesi hanno ritenuto irricevibile. Per questo si sono rivolti, tramite il sindacato Filcam Cgil, all`amministrazione comunale chiedendo lumi sul servizio parcometri (il Comune intende sospendere o proseguire l`esperienza delle soste a pagamento nelle zone blu?) e sulla possibilità di continuare a svolgere il proprio lavoro a Mola. «Il servizio – assicura il sindaco Stefano Diperna – continuerà ad essere garantito, per questo dopo aver ricevuto la comunicazione dell`impresa, che non intende proseguire il servizio a Mola, ci siamo attivati per bandire la nuova gara d`appalto». E la continuità lavorativa agli ausiliari potrà essere assicurata? «Il sindacato – risponde il primo cittadino ci chiede che vengano salvaguardati i posti di lavoro e questa è anche una nostra priorità. Ma non sappiamo ancora se i tre lavoratori, dipendenti di un`azienda privata, accetteranno il trasferimento in un`altra località o se rinunciando all`impiego potranno essere nuovamente assunti dall`impresa che subentrerà. Questa è una questione tecnica sulla quale stanno lavorando i funzionari comunali». In attesa di nuovi sviluppi, la Filcams Cgil e, in una interrogazione al consiglio comunale, i movimenti politici «Moderati per Mola», «Progetto Mola» e «Giovani democratici», esprimono preoccupazione sia per il futuro dei lavoratori che da un giorno all`altro rischiano di restare senza alcuna certezza sulle prospettive di reimpiego, che per la sospensione del servizio nelle zone blu. «Senza parcheggi liberi – dice Giangrazio Di Rutigliano (Moderati) – gli esercizi commerciali vengono penalizzati e perdono clienti».