Randstad Italia, esito incontro 20/01/2014

Roma, 22 gennaio 2014

Testo unitario

il 20 gennaio scorso si è tenuto l’incontro con la direzione Randstad in merito al monitoraggio sull’all’andamento dell’operazione di conferimento di Start People a Randstad Italia.
Randstad ha comunicato che per quanto riguarda le filiali il percorso di integrazione prosegue secondo quanto previsto e non ci sono impatti occupazionali. è in corso e l’impatto che ne viene fuori è positivo.
Per quanto riguarda, invece, l’impatto per i dipendenti della sede ex Start People, la situazione è molto complessa, in quanto l’organizzazione della sede Start People svolgeva attività amministrative che nella struttura Randstad sono eseguite in filiale, quindi, a detta dell’azienda, non integrabili nell’attività di sede a Milano. sono totalmente differenti, infatti Randstad tali attività le svolge nelle filiali, mentre Start People li svolgeva in un’unica sede a Milano.
L’azienda ci ha comunicato che pertanto è sua intenzione aprire una procedura di mobilità al fine di ristrutturare il settore amministrativo. Attualmente le/i lavoratrici/lavoratori della sede ex Start People che saranno impattate dalla procedura sono 47, di cui 1 a tempo determinato.
Come OO.SS., a fronte di un’operazione di trasferimento che era stata presentata con un minimo impatto sul livello occupazionale, aveva lo spirito di mettere a riparo da riduzioni la popolazione proveniente da Start People, abbiamo manifestato tutto il nostro dissenso, ribadendo che è impensabile inaccettabile trovarsi in tale situazione, e abbiamo chiesto di aprire in tempi rapidi un confronto leale e trasparente, volto a trovare tutte le soluzioni non traumatiche possibili per i dipendenti impattati.
Al fine di affrontare tempestivamente la problematica emersa, abbiamo programmato un incontro per il 29 gennaio p.v. alle ore 10 presso la sede aziendale a Milano di Via R.Lepetit,8/10.

p. la Filcams Cgil Nazionale
Sandro Pagaria